Cronaca

Emblematici provinciali 2019: 335mila euro per il Parco Marazza e l’ex seminario

Sono due importanti progetti sul territorio i vincitori del bando 2019.

Emblematici provinciali 2019: 335mila euro per il Parco Marazza e l’ex seminario
Borgomanero, 17 Maggio 2020 ore 08:42

I fondi del bando Emblematici provinciali 2019 sono stati destinati alla valorizzazione degli spazi del Parco Marazza di Borgomanero e dell’ex seminario di Gozzano.

Emblematici provinciali 2019 per il Parco Marazza e l’ex seminario

Sono propri dei territori di Borgomanero e di Gozzano i due progetti che hanno vinto il bando «Emblematici provinciali 2019» di Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità Novarese onlus, e porteranno nella parte alta della provincia di Novara fondi per ben 355mila euro. Si tratta di «interventi che mirano alla condivisione di tempi e spazi. I due progetti del territorio – spiegano dall’ufficio stampa della Fondazione Comuntà Novarese – guardano a un domani in cui sarà ancora più importante “stare insieme”». I progetti sono finanziati con un criterio che sostiene le attività nelle ree Arte e Cultura, Servizi alla Persona, Ambiente e Ricerca Scientifica e Tecnologica, cui è stato aggiunto il tema opzionale la Rigenerazione Sostenibile (e riqualificazione ambientale) per città, campagne e sistemi naturali.

Il commento del presidente di Fondazione Cariplo

«Fondazione Cariplo – commenta Giovanni Fosti, Presidente di Fondazione Cariplo – vuole promuovere iniziative che creino valore per le persone e per il territorio. Gli Emblematici Provinciali sono progetti molto significativi per le comunità locali, resi possibili dalla collaborazione e dal dialogo continuo tra Fondazione Cariplo e la Fondazione Comunità Novarese Onlus che, grazie alla sua vicinanza al territorio, è in grado di raccoglierne le sensibilità e le esigenze». «Quest’anno, i progetti che hanno ricevuto il contributo sul Bando Emblematici Provinciali di Fondazione Cariplo – commenta il Presidente Fondazione Comunità Novarese onlus Cesare Ponti – rappresentano un concetto che abbiamo a cuore particolarmente ossia la condivisione. Una condivisione che può essere di tempo e di spazi che siano quelli di una struttura come il Seminario oppure gli spazi pubblici e verdi di una città come Borgomanero. Soprattutto in un momento come questo dove ci è imposta, per sicurezza, la distanza sociale. L’idea di sostenere due progetti che mirano “allo stare insieme” ha un significato davvero importante. E’ un modo per guardare al futuro con speranza ma ponendo basi concrete grazie a idee che, nate ieri, puntano a un domani migliore».

177.500 euro per l’ex seminario di Gozzano

Il primo dei due progetti finanziati ha visto lo stanziamento di 177.500 euro per il recupero dell’istituto intitolato a Monsignor Giacomo Filippo Gentile, ora in stato di abbandono. «Riteniamo molto importante il recupero di questa struttura – dice don Renzo Cozzi, Economo della Diocesi – perché potremo salvare dall’abbandono un edificio storico di grande interesse culturale e allo stesso tempo creare un luogo essenziale e vitale per tutta la comunità, non solo quella ecclesiale, grazie anche alla sua posizione strategica al centro della diocesi».

177.500 euro per il masterplan del Parco Marazza

Il secondo progetto beneficiario degli Emblematici provinciali è a Borgomanero: anch’esso ha visto stanziata la somma di 177500 euro e si intitola «Ri-Attivare Paesaggi», e va a sostenere quello che è il masterplan strategico presentato qualche mese fa dall’Amministrazione agognina con il quale si intende ridisegnare i parchi e le aree verdi cittadine, con una particolare attenzione a quattro «paesaggi» individuati nel piano. Si tratta del Paesaggio Boschivo 1 (Vergano e Cave di Cumiana); Paesaggio Boschivo 2 (San Marco e Colle San Michele); Paesaggio Urbano (Centro Storico); Paesaggio rurale (Santa Cristina e le sue cascine) il progetto si concentra sul terzo che interessa l’ambito urbano del centro città e del fiume Agogna che lo attraversa.
«Ringraziamo Fondazione Comunità Novarese e Fondazione Cariplo per aver creduto nel progetto presentato – commenta Elisa Zanetta, Assessore ai Lavori pubblici del Comune di Borgomanero – su cui, come Amministrazione, stiamo puntando molto. Siamo convinti che il lavoro di ricerca e progettazione che si è impostato in questi anni debba essere il più possibile valorizzato e vorrei sottolineare l’importanza della partnership costituita con Fondazione Marazza, insieme al presidente Giovanni Tinivella e al direttore Giovanni Cerutti che ringrazio. Insieme coordineremo specifiche attività di partecipazione e sensibilizzazione e cercheremo di raggiungere l’obiettivo principale del progetto ovvero aumentare la consapevolezza dei cittadini della bellezza e del valore del nostro paesaggio».
L’intervento propone la realizzazione di un parco fluviale in grado mettere a sistema le eccellenze storiche architettoniche, i parchi cittadini esistenti della Resistenza e di Villa Marazza e gli spazi aperti che si susseguono oggi come brani isolati lungo il corso del fiume, fino a riconnetterli, attraverso la «nuova passeggiata di Borgomanero» così da «ri-attivare» il paesaggio.

Nello specifico, le azioni progettuali riguardano interventi di riqualificazione e infrastrutturali del Parco Marazza e la strutturazione di un processo di partecipazione relativo a passi successivi del “Masterplan” condotto in partnership con la Fondazione Achille Marazza con la finalità di aumentare la consapevolezza, nella comunità, del valore del paesaggio come infrastruttura ecologica e sociale.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità