L'intervento dei sindacati

Emergenza coronavirus: Cgil, Cisl e Uil chiedono maggiori tutele per i “lavoratori invisibili”

Le sigle sindacali registrano "carenze nelle misure messe in campo" per evitare il contagio dei lavoratori.

Emergenza coronavirus: Cgil, Cisl e Uil chiedono maggiori tutele per i “lavoratori invisibili”
Alto Novarese, 28 Marzo 2020 ore 09:59

A pochi giorni dalla firma di un protocollo per evitare il contagio nelle aziende, le sigle sindacali chiedono maggiori tutele per i “lavoratori invisibili” degli appalti.

Cgil, Cisl e Uil chiedono maggiori tutele per i “lavoratori invisibili” degli appalti

I responsabili delle sigle sindacali di Cgil (Filcams), Cisl (Fisascat) e Uil (Uiltucs) hanno scritto una lettera al Prefetto di Novara e allo Spresal, il servizio dell’Asl che si occupa di prevenzione  e sicurezza sui luoghi di lavoro, per chiedere maggiori tutele per i “lavoratori invisibili”, cioè quelli degli appalti. La lettera è stata mandata anche alle redazioni giornalistiche: eccola di seguito:

La situazione sanitaria nel nostro Paese si sta facendo di giorno in giorno sempre più drammatica, i casi di contagio da COVID19 crescono in maniera esponenziale e purtroppo anche i decessi. FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL consapevole che queste attività sono fondamentali per la popolazione, chiedono con forza che queste vengano svolte nel pieno rispetto delle norme sanitarie a protezione di tutti i lavoratori e dei cittadini. Nei giorni scorsi è stato sottoscritto un  protocollo che definisce le linee guida da adottare in tutte le aziende affinché si eviti il contagio da COVID19. È necessario che le imprese si attengano rigidamente a  tali norme e che gli enti e le istituzioni si adoperino per una attività di sorveglianza e controllo, in modo da attuare rigorosamente gli interventi di prevenzione  collettiva e individuale. Purtroppo continuiamo a registrare carenze nelle misure messe in campo, sottaciute e dannose. La mancanza di dispositivi di sicurezza e di dotazioni idonee, lo stress di pesanti turni di lavoro in contesti operativi particolarmente esposti al contagio, mettono a grave rischio i lavoratori. QUESTA E’ UNA CONDIZIONE NON TOLLERABILE, PERICOLOSA PER LA TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA, DELLA CITTADINANZA E DEI LAVORATORI. Le lavoratrici e i lavoratori “invisibili” degli appalti devono essere tutelati! Chiediamo soluzioni, dotazioni e una sorveglianza rigorosa da parte degli organi preposti. Siamo e continueremo ad essere in prima linea per la difesa di questa parte del mondo del lavoro che nel paese non trova considerazione e che nel garantire servizi ad una intera comunità nazionale rischia tutti i giorni la propria salute. Le OO.SS saranno intransigente nei confronti di quelle aziende inadempienti e che nel dramma generale di un intero paese continuano a essere insensibili ai bisogni e alla sicurezza delle persone. Laddove si creeranno condizioni non sufficienti a garantire la  sicurezza sanitaria, metteremo in campo tutte le azioni, anche di mobilitazione, a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.

 

Leggi anche:

Dall’ordine professionale delle ostetriche presentato il servizio “Le ostetriche rispondono”

Coronavirus, Conbipel presenta concordato in bianco al tribunale

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità