Cronaca

Emma Morano fa 116 anni

Emma Morano fa 116 anni
Cronaca 30 Novembre 2015 ore 13:49

VERBANIA  Ha avuto ancora fiato sufficiente per spegnere la candelina dei 116 anni, accesa qualche istante prima dal presidente della provincia di Vercelli (sua provincia d’origine), Emma Morano, ieri pomeriggio nella camera-soggiorno del suo alloggio in vicolo San Leonardo. E persino per cantare qualche strofa della sua canzone preferita, “Parlami d’amore Mariù”, accompagnata alla fisarmonica dal musicista stresiano Erik Meroni.  Al termine d’una giornata impegnativa. Con le visite, al mattino, del sindaco, Silvia Marchionini, e del vicario territoriale del Verbano, don Roberto Salsa, che le ha consegnato gli auguri speciali di “Papa Francesco” e una riproduzione del “Millennium del Pellegrino”, la medaglia che verrà consegnata a tutti i pellegrini anziani che si recheranno a Roma per il Giubileo della Misericordia. «È per chi ha fatto tanta strada, e tu ne hai fatta più di tutti», le ha spiegato don Roberto.

Nel pomeriggio, tramite il viceprefetto di Alessandria Gaetano Losa, sono arrivati gli auguri del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.  Tra i visitatori del mattino, una troupe di Rai 3 per il servizio andato in onda nell’edizione del Tg Piemonte alle 19,30 di ieri. Nel pomeriggio, da Roma, è arrivata l’inviata di Rai uno Mattina Daniela Pulci, ormai un’amica di famiglia per Emma e la sua nutrita cerchia parentale fatta di nipoti e pronipoti. Nelle interviste ha ripercorso la sua vita aggiungendo particolari inediti. Le fughe da casa per andare a ballare di nascosto dalla madre e i ceffoni che l’attendevano al rientro. Emma Morano, con il suo attaccamento alla vita, ha finito per diventare famosa in tutto il mondo e far brillare di luce riflessa Verbania, la città dove si trasferì in fuga da un marito manesco nel 1937 da Viladossola, il primo comune della zona dov’era arrivata a lavorare giovanissima. 

Mauro Rampinini

VERBANIA  Ha avuto ancora fiato sufficiente per spegnere la candelina dei 116 anni, accesa qualche istante prima dal presidente della provincia di Vercelli (sua provincia d’origine), Emma Morano, ieri pomeriggio nella camera-soggiorno del suo alloggio in vicolo San Leonardo. E persino per cantare qualche strofa della sua canzone preferita, “Parlami d’amore Mariù”, accompagnata alla fisarmonica dal musicista stresiano Erik Meroni.  Al termine d’una giornata impegnativa. Con le visite, al mattino, del sindaco, Silvia Marchionini, e del vicario territoriale del Verbano, don Roberto Salsa, che le ha consegnato gli auguri speciali di “Papa Francesco” e una riproduzione del “Millennium del Pellegrino”, la medaglia che verrà consegnata a tutti i pellegrini anziani che si recheranno a Roma per il Giubileo della Misericordia. «È per chi ha fatto tanta strada, e tu ne hai fatta più di tutti», le ha spiegato don Roberto.

Nel pomeriggio, tramite il viceprefetto di Alessandria Gaetano Losa, sono arrivati gli auguri del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.  Tra i visitatori del mattino, una troupe di Rai 3 per il servizio andato in onda nell’edizione del Tg Piemonte alle 19,30 di ieri. Nel pomeriggio, da Roma, è arrivata l’inviata di Rai uno Mattina Daniela Pulci, ormai un’amica di famiglia per Emma e la sua nutrita cerchia parentale fatta di nipoti e pronipoti. Nelle interviste ha ripercorso la sua vita aggiungendo particolari inediti. Le fughe da casa per andare a ballare di nascosto dalla madre e i ceffoni che l’attendevano al rientro. Emma Morano, con il suo attaccamento alla vita, ha finito per diventare famosa in tutto il mondo e far brillare di luce riflessa Verbania, la città dove si trasferì in fuga da un marito manesco nel 1937 da Viladossola, il primo comune della zona dov’era arrivata a lavorare giovanissima. 

Mauro Rampinini