Esplorando il Parco del Ticino e del Lago Maggiore

Esplorando il Parco del Ticino e del Lago Maggiore
06 Maggio 2015 ore 16:11

CAMERI – Sono state presentate ieri nella sede del Parco del Ticino e del Lago Maggiore a Villa Picchetta le prossime iniziative che porteranno alla scoperta del territorio. 

Si tratta di “Miniexplorando” 2° edizione, in programma domenica 17 maggio: una giornata con tour in  battello e/o bicicletta con visite alla Riserva dei Canneti di Dormelletto, al Parco del Ticino, alla Riserva di Bosco Solivo, al Parco dei Lagoni di Mercurago e alla Rocca di Arona, luogo natale di S. Carlo Borromeo e formidabile punto panoramico sul Lago Maggiore. 

Vengono proposte più modalità di fruizione dolce: l’utente potrà scegliere di effettuare un’escursione che comprende la navigazione e la biciclettata (si consiglia mountain bike) o di visitare le nostre aree solo in battello con passeggiata o viceversa solo in bicicletta.

Da Arona si partirà in battello alla volta di Varallo Pombia, passando da Castelletto Ticino, i partecipanti muniti di bicicletta potranno usufruire di un servizio di trasporto, al contrario gli utenti sprovvisti potranno noleggiare la bici presso No Work Team di Arona (NO), che per l’occasione ha offerto prezzi promozionali.

Presso Castelletto Ticino verrà offerto un breve ristoro a cura della locale Pro loco, l’approdo di Castelletto sarà anche punto di partenza per chi farà esclusivamente l’escursione in bicicletta.

All’arrivo all’attracco di Varallo Pombia (lungo l’antica via navigabile Locarno – Venezia, sulle acque del Lago e poi del Ticino, dopo aver superato in conca la diga della Miorina), tutti in bici fino alla Tenuta del Casone-Montelame a Pombia ove sarà in corso un’esercitazione delle squadre antincendio boschivo di Piemonte e Lombardia, si proseguirà poi verso Bosco Solivo per la sosta del pranzo organizzato a cura della Pro Loco di Borgo Ticino. Da qui si proseguirà per i Lagoni di Mercurago ove verrà inaugurata la mostra fotografica di Zibi Danilowicz “Orta nel mio obiettivo”. Infine di nuovo in sella sino alla Rocca di Arona per poi ritornare a casa.

“Questa iniziativa è il frutto di un lavoro di squadra, che dura ormai da tempo, tra più soggetti locali, al fine di portare valore aggiunto al proprio territorio- dichiara il Commissario Straordinario del Parco del Ticino e Lago Maggiore Marco Mario Avanza affiancato dal direttore del Parco Benedetto Franchina, dalla responsabile pianificazione e promozione territoriale Monica Perroni, da Claudia Baratti dell’associazione irrigazione Est Sesia, Marco Platinetti degli Amici della Bici di Novara (Fiab) e da Roberto Vellata dell’associazione Amici del Parco del Ticino – Ringrazio quindi le Pro loco di Borgo Ticino e di Castelletto Ticino, i relativi comuni, gli amici del parco del Ticino, e i tanti sostenitori che hanno collaborato con noi come Diego Tessari di Pedalatour.  Auspico che tale iniziativa come quella dell’anno scorso possa essere il volano per altri soggetti, anche privati, che intendessero organizzare eventi analoghi. A costoro offriamo sin da ora la nostra collaborazione, certamente non economica, per l’organizzazione di iniziative simili”. 

La prenotazione per partecipare deve pervenire entro l’11 maggio alla mail promozione@parcoticinolagomaggiore.it, per informazioni tel. 0321-517706. 

Più ampio naturalmente il programma di E(X)plorando  “4 giorni, due ruote…un viaggio lungo il Canale Cavour dalla Mole al Duomo” anche in questo caso alla seconda edizione. Gli Enti che hanno organizzato l’iniziativa sono il Parco del Po e delle Colline Torinesi, il Parco del Ticino e del Lago Maggiore, i Consorzi Irrigui Est Sesia e Ovest Sesia, FIAB con la collaborazione del Parco Lombardo del Ticino, Agenda 21-Corbetta, il Consorzio Villoresi, AIB di Bellinzago Novarese e Varallo Pombia e con il patrocinio di Padiglione Italia, ATL e Camera Commercio di Novara.

L’iniziativa, come l’anno scorso, è un evento straordinario proprio perché propone la sperimentazione di un itinerario di quattro giorni in bicicletta dal 30 maggio al 2 giugno, da parte di un gruppo di cicloamatori, finalizzata alla realizzazione  di una via ciclabile lungo il Canale Cavour che unisca i parchi e le aree metropolitane di Torino e Milano passando per le alzaie di  canali irrigui che percorrono la pianura fra Piemonte e Lombardia, tra Po e Ticino, in particolare lungo lo straordinario tracciato di circa 80 km del Canale Cavour fatto costruire a metà Ottocento da Camillo Benso Conte di Cavour, che normalmente è quasi tutto chiuso alla fruizione pubblica.

Si partirà il 30 maggio da Piazza CLN a Torino arrivando il 2 giugno in piazza Castello Expo Gate a Milano. Il percorso si articola in quattro tappe (Torino ––Castel’Apertole; Castel’Apertole- Vercelli, Vercelli – Novara e Novara – Milano) alla cui guida ci saranno i rappresentanti di Fiab.

L’iniziativa è rivolta a tutti i cicloamatori che vogliono sperimentare l’avventura per tutti i quattro giorni oppure per quelli che vogliono unirsi lungo il percorso effettuando anche una singola tratta e previa iscrizione.

Al termine di ogni tappa gli organizzatori hanno previsto molte attività rivolte ai partecipanti. Nel Novarese il 1 giugno sarà possibile visitare le tombe del Canale Cavour a Recetto, esempio di architettura idraulica ottocentesca, l’antica Abbazia di San Nazzaro Sesia, interessante esempio di architettura romanica (sec. X), il fontanile presso la Chiesa della Madonna della Fontana. Al borgo di Casalbeltrame si potrà visitare il Museo etnografico L’civel, la Villa Bracorens Savoiroux e l’azienda “Riso Buono – La Mondina di Luigi e Carlo Guidobono Cavalchini” , la Cascina Sant’Apollinare (sito templare nel XII secolo) e alla Palude di Casalbeltrame. In serata visita all’Archivio Storico delle Acque e delle Terre Irrigue. L’ Archivio, unico nel suo genere, espone mappe e documenti quattrocenteschi ma anche le grandi tavole dei progetti esecutivi a china e acquerello del Canale Cavour.

Il 2 giugno giornata interregionale: si parte per raggiungere il Canale Cavour nei pressi di Veveri e ammirare il canale Regina Elena che si immette nel Cavour, a seguire visita al diramatore del Canale Cavour Quintino Sella e successivamente attraversamento del torrente Terdoppio sulla passerella ponte.

Alla fine della ciclabile lungo il Canale  Cavour dopo Galliate si scende nella valle del Ticino e si raggiunge la Centrale Idroelettrica Guido Davide Orlandi, un mirabile esempio di recupero di archeologia industriale, nonché di energia rinnovabile, diventata negli ultimi anni sede di manifestazioni ed eventi del Parco del Ticino e Lago Maggiore, per l’occasione sarà visitabile e aperta al pubblico con l’esposizione “Il Canale Cavour e le terre del riso” ed apertura straordinaria della Centrale Dogana.

Si attraversa poi il fiume Ticino e si raggiunge il territorio lombardo passando da Villa Castiglioni a Magenta, sede del Parco Ticino Lombardo, arrivo a Corbetta per pranzo con prodotti a Km 0visitando Villa Pagani della Torre. La villa sorge su quanto rimane del giardino della antica Cà Erba, che si estendeva dall’attuale via Verdi, alla via Battisti. Iniziata a costruire nel 1925, dal 1929 al 1934 divenne casa del podestà di Corbetta, Mario Pagani. Nel 1971 venne acquistata dal comune di Corbetta, e dedicata ad Angelo Della Torre, il bambino miracolato dalla Madonna del Santuario. La villa, attuale sede della Pro Loco, è sita in piazza venticinque aprile.

Il viaggio prosegue per Abbiategrasso, raggiungendo il Casello della Conca del Dazio-Centro di Stabulazione Fauna ittica, apertura messa a disposizione da parte del Consorzio Villoresi, si prosegue poi sui navigli alla volta di Milano, in Piazza Castello presso EXPO GATE.

“Prosegue la nostra attività per far conoscere, scoprire e valorizzare il nostro territorio, ancor di più nell’anno di EXPO – sottolinea il commissario Avanza – è un’occasione da non perdere per far conoscere e visitare le bellezze del nostro territorio. Dopo la prima esperienza dello scorso anno– conclude Avanza – abbiamo messo a punto un pacchetto da ripetere anche nei prossimi anni dopo EXPO”. Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi presso l’Agenzia Decathlon DMC tel.011/19906873 mail explorando@decathlondmc.it.

Nell’occasione Roberto Vellata dell’associazione Amici del Parco del Ticino ha ricordato anche che sabato 9 e domenica 10 maggio nell’ambito del “Grantour in Mtb dalla bioregione del Ticino al mare” organizza con Pedalatour e Centro Parco Ex Dogana la classica discesa del fiume in bici da Sesto Calende alla Certosa di Pavia, una full immersion tra natura e cultura lunga 140 km. Per informazioni e per sapere se ci sono ancora posti disponibili info@amiciparcoticino.it o tel. 335 6825354. 

Per maggiori dettagli sulle iniziative si può anche visitare i siti www.parcoticinolagomaggiore.it e www.explorando.events . 

Valentina Sarmenghi

CAMERI – Sono state presentate ieri nella sede del Parco del Ticino e del Lago Maggiore a Villa Picchetta le prossime iniziative che porteranno alla scoperta del territorio. 

Si tratta di “Miniexplorando” 2° edizione, in programma domenica 17 maggio: una giornata con tour in  battello e/o bicicletta con visite alla Riserva dei Canneti di Dormelletto, al Parco del Ticino, alla Riserva di Bosco Solivo, al Parco dei Lagoni di Mercurago e alla Rocca di Arona, luogo natale di S. Carlo Borromeo e formidabile punto panoramico sul Lago Maggiore. 

Vengono proposte più modalità di fruizione dolce: l’utente potrà scegliere di effettuare un’escursione che comprende la navigazione e la biciclettata (si consiglia mountain bike) o di visitare le nostre aree solo in battello con passeggiata o viceversa solo in bicicletta.

Da Arona si partirà in battello alla volta di Varallo Pombia, passando da Castelletto Ticino, i partecipanti muniti di bicicletta potranno usufruire di un servizio di trasporto, al contrario gli utenti sprovvisti potranno noleggiare la bici presso No Work Team di Arona (NO), che per l’occasione ha offerto prezzi promozionali.

Presso Castelletto Ticino verrà offerto un breve ristoro a cura della locale Pro loco, l’approdo di Castelletto sarà anche punto di partenza per chi farà esclusivamente l’escursione in bicicletta.

All’arrivo all’attracco di Varallo Pombia (lungo l’antica via navigabile Locarno – Venezia, sulle acque del Lago e poi del Ticino, dopo aver superato in conca la diga della Miorina), tutti in bici fino alla Tenuta del Casone-Montelame a Pombia ove sarà in corso un’esercitazione delle squadre antincendio boschivo di Piemonte e Lombardia, si proseguirà poi verso Bosco Solivo per la sosta del pranzo organizzato a cura della Pro Loco di Borgo Ticino. Da qui si proseguirà per i Lagoni di Mercurago ove verrà inaugurata la mostra fotografica di Zibi Danilowicz “Orta nel mio obiettivo”. Infine di nuovo in sella sino alla Rocca di Arona per poi ritornare a casa.

“Questa iniziativa è il frutto di un lavoro di squadra, che dura ormai da tempo, tra più soggetti locali, al fine di portare valore aggiunto al proprio territorio- dichiara il Commissario Straordinario del Parco del Ticino e Lago Maggiore Marco Mario Avanza affiancato dal direttore del Parco Benedetto Franchina, dalla responsabile pianificazione e promozione territoriale Monica Perroni, da Claudia Baratti dell’associazione irrigazione Est Sesia, Marco Platinetti degli Amici della Bici di Novara (Fiab) e da Roberto Vellata dell’associazione Amici del Parco del Ticino – Ringrazio quindi le Pro loco di Borgo Ticino e di Castelletto Ticino, i relativi comuni, gli amici del parco del Ticino, e i tanti sostenitori che hanno collaborato con noi come Diego Tessari di Pedalatour.  Auspico che tale iniziativa come quella dell’anno scorso possa essere il volano per altri soggetti, anche privati, che intendessero organizzare eventi analoghi. A costoro offriamo sin da ora la nostra collaborazione, certamente non economica, per l’organizzazione di iniziative simili”. 

La prenotazione per partecipare deve pervenire entro l’11 maggio alla mail promozione@parcoticinolagomaggiore.it, per informazioni tel. 0321-517706. 

Più ampio naturalmente il programma di E(X)plorando  “4 giorni, due ruote…un viaggio lungo il Canale Cavour dalla Mole al Duomo” anche in questo caso alla seconda edizione. Gli Enti che hanno organizzato l’iniziativa sono il Parco del Po e delle Colline Torinesi, il Parco del Ticino e del Lago Maggiore, i Consorzi Irrigui Est Sesia e Ovest Sesia, FIAB con la collaborazione del Parco Lombardo del Ticino, Agenda 21-Corbetta, il Consorzio Villoresi, AIB di Bellinzago Novarese e Varallo Pombia e con il patrocinio di Padiglione Italia, ATL e Camera Commercio di Novara.

L’iniziativa, come l’anno scorso, è un evento straordinario proprio perché propone la sperimentazione di un itinerario di quattro giorni in bicicletta dal 30 maggio al 2 giugno, da parte di un gruppo di cicloamatori, finalizzata alla realizzazione  di una via ciclabile lungo il Canale Cavour che unisca i parchi e le aree metropolitane di Torino e Milano passando per le alzaie di  canali irrigui che percorrono la pianura fra Piemonte e Lombardia, tra Po e Ticino, in particolare lungo lo straordinario tracciato di circa 80 km del Canale Cavour fatto costruire a metà Ottocento da Camillo Benso Conte di Cavour, che normalmente è quasi tutto chiuso alla fruizione pubblica.

Si partirà il 30 maggio da Piazza CLN a Torino arrivando il 2 giugno in piazza Castello Expo Gate a Milano. Il percorso si articola in quattro tappe (Torino ––Castel’Apertole; Castel’Apertole- Vercelli, Vercelli – Novara e Novara – Milano) alla cui guida ci saranno i rappresentanti di Fiab.

L’iniziativa è rivolta a tutti i cicloamatori che vogliono sperimentare l’avventura per tutti i quattro giorni oppure per quelli che vogliono unirsi lungo il percorso effettuando anche una singola tratta e previa iscrizione.

Al termine di ogni tappa gli organizzatori hanno previsto molte attività rivolte ai partecipanti. Nel Novarese il 1 giugno sarà possibile visitare le tombe del Canale Cavour a Recetto, esempio di architettura idraulica ottocentesca, l’antica Abbazia di San Nazzaro Sesia, interessante esempio di architettura romanica (sec. X), il fontanile presso la Chiesa della Madonna della Fontana. Al borgo di Casalbeltrame si potrà visitare il Museo etnografico L’civel, la Villa Bracorens Savoiroux e l’azienda “Riso Buono – La Mondina di Luigi e Carlo Guidobono Cavalchini” , la Cascina Sant’Apollinare (sito templare nel XII secolo) e alla Palude di Casalbeltrame. In serata visita all’Archivio Storico delle Acque e delle Terre Irrigue. L’ Archivio, unico nel suo genere, espone mappe e documenti quattrocenteschi ma anche le grandi tavole dei progetti esecutivi a china e acquerello del Canale Cavour.

Il 2 giugno giornata interregionale: si parte per raggiungere il Canale Cavour nei pressi di Veveri e ammirare il canale Regina Elena che si immette nel Cavour, a seguire visita al diramatore del Canale Cavour Quintino Sella e successivamente attraversamento del torrente Terdoppio sulla passerella ponte.

Alla fine della ciclabile lungo il Canale  Cavour dopo Galliate si scende nella valle del Ticino e si raggiunge la Centrale Idroelettrica Guido Davide Orlandi, un mirabile esempio di recupero di archeologia industriale, nonché di energia rinnovabile, diventata negli ultimi anni sede di manifestazioni ed eventi del Parco del Ticino e Lago Maggiore, per l’occasione sarà visitabile e aperta al pubblico con l’esposizione “Il Canale Cavour e le terre del riso” ed apertura straordinaria della Centrale Dogana.

Si attraversa poi il fiume Ticino e si raggiunge il territorio lombardo passando da Villa Castiglioni a Magenta, sede del Parco Ticino Lombardo, arrivo a Corbetta per pranzo con prodotti a Km 0visitando Villa Pagani della Torre. La villa sorge su quanto rimane del giardino della antica Cà Erba, che si estendeva dall’attuale via Verdi, alla via Battisti. Iniziata a costruire nel 1925, dal 1929 al 1934 divenne casa del podestà di Corbetta, Mario Pagani. Nel 1971 venne acquistata dal comune di Corbetta, e dedicata ad Angelo Della Torre, il bambino miracolato dalla Madonna del Santuario. La villa, attuale sede della Pro Loco, è sita in piazza venticinque aprile.

Il viaggio prosegue per Abbiategrasso, raggiungendo il Casello della Conca del Dazio-Centro di Stabulazione Fauna ittica, apertura messa a disposizione da parte del Consorzio Villoresi, si prosegue poi sui navigli alla volta di Milano, in Piazza Castello presso EXPO GATE.

“Prosegue la nostra attività per far conoscere, scoprire e valorizzare il nostro territorio, ancor di più nell’anno di EXPO – sottolinea il commissario Avanza – è un’occasione da non perdere per far conoscere e visitare le bellezze del nostro territorio. Dopo la prima esperienza dello scorso anno– conclude Avanza – abbiamo messo a punto un pacchetto da ripetere anche nei prossimi anni dopo EXPO”. Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi presso l’Agenzia Decathlon DMC tel.011/19906873 mail explorando@decathlondmc.it.

Nell’occasione Roberto Vellata dell’associazione Amici del Parco del Ticino ha ricordato anche che sabato 9 e domenica 10 maggio nell’ambito del “Grantour in Mtb dalla bioregione del Ticino al mare” organizza con Pedalatour e Centro Parco Ex Dogana la classica discesa del fiume in bici da Sesto Calende alla Certosa di Pavia, una full immersion tra natura e cultura lunga 140 km. Per informazioni e per sapere se ci sono ancora posti disponibili info@amiciparcoticino.it o tel. 335 6825354. 

Per maggiori dettagli sulle iniziative si può anche visitare i siti www.parcoticinolagomaggiore.it e www.explorando.events . 

Valentina Sarmenghi

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei