Ex parroco indagato per 2 milioni su un conto in Svizzera

Nei guai anche il fratello dell'uomo.

Ex parroco indagato per 2 milioni su un conto in Svizzera
Cronaca 23 Dicembre 2018 ore 09:45

Due milioni e mezzo di donazioni  finiscono su un conto svizzero. Questo è il motivo per cui viene indagato l’ex-parroco della Gran Madre di Torino.

Ex-parroco indagato

Ex-parroco indagato perchè per anni ha versato il denaro delle donazioni destinate alla parrocchia su un conto  svizzero di cui era intestatario. Sul conto erano stati depositati circa 2,4 milioni di euro. Lo riportano i nostri colleghi della "NuovaPeriferia.it".

I soldi sono scomparsi

Già qui la storia e tanto curiosa, ma poi si aggiunge il fatto che quando il parroco è andato in pensione dei soldi non è rimasta alcuna traccia in Svizzzera e sono apparsi su un conto in Italia intestato  alla parrocchia. E’ stata così aperta un’indagine dalla procura di Torino, con l’accusa di appropriazione indebita. Insieme al’ex-parroco della Gran Madre è finito nei guai anche il fratello.

La difesa

Il prete, prima di passare le consegne al suo successore, aveva infatti  deciso di far rientrare in Italia  il denaro. Si tratta di un’operazione sospetta, che ha dato il via agli accertamenti della Guardia di Finanza e al sequestro della consistente somma di denaro. La riforma del reato di appropriazione indebita prevede, per poter indagare, che le persone offese sporgano querela. Le indagini sono state chiuse alcune settimane fa. Quindi,  la procura deciderà se chiedere l’archiviazione o il rinvio a giudizio.