Cronaca

Fatture false per 530mila euro: denunciato imprenditore di Briga

Fatture false per 530mila euro: denunciato imprenditore di Briga
Cronaca 23 Ottobre 2015 ore 09:26

BRIGA NOVARESE – Tra il 2008 e il 2012, stando alle accuse che gli muove la Guardia di Finanza della Tenenza di Omegna, con una serie di fatture per operazioni inesistenti, aveva gonfiato i costi, alleggerendo il bilancio di 530mila euro e detraendo così Iva per complessivi 107mila euro.

Un imprenditore di Briga Novarese è così finito nei guai ed è stato denunciato. L’uomo opera nella lavorazione di metalli, al servizio del distretto cusiano del rubinetto.

Tutto è partito da Omegna, dove ha sede la società, che, stando a quanto emergerebbe dai documenti, aveva fornito servizi per oltre 500mila euro all’azienda novarese. Questa società, però, non aveva risorse, personale e mezzi per poter espletare la commessa, una cifra davvero troppo grande per la realtà omegnese. Da qui i finanzieri sono giunti a Briga. 

I finanzieri omegnesi, dipendenti dalla Compagnia di Verbania, in applicazione di una misura cautelare reale disposta dal Gip di Novara, hanno eseguito nei confronti dell’uomo il sequestro preventivo propedeutico alla confisca per equivalente di due beni immobili di valore superiore a 130.000 euro.

mo.c.


BRIGA NOVARESE – Tra il 2008 e il 2012, stando alle accuse che gli muove la Guardia di Finanza della Tenenza di Omegna, con una serie di fatture per operazioni inesistenti, aveva gonfiato i costi, alleggerendo il bilancio di 530mila euro e detraendo così Iva per complessivi 107mila euro.

Un imprenditore di Briga Novarese è così finito nei guai ed è stato denunciato. L’uomo opera nella lavorazione di metalli, al servizio del distretto cusiano del rubinetto.

Tutto è partito da Omegna, dove ha sede la società, che, stando a quanto emergerebbe dai documenti, aveva fornito servizi per oltre 500mila euro all’azienda novarese. Questa società, però, non aveva risorse, personale e mezzi per poter espletare la commessa, una cifra davvero troppo grande per la realtà omegnese. Da qui i finanzieri sono giunti a Briga. 

I finanzieri omegnesi, dipendenti dalla Compagnia di Verbania, in applicazione di una misura cautelare reale disposta dal Gip di Novara, hanno eseguito nei confronti dell’uomo il sequestro preventivo propedeutico alla confisca per equivalente di due beni immobili di valore superiore a 130.000 euro.

mo.c.