Cronaca

Freccia Bianca, Anci Piemonte sollecita incontro con Trenitalia

Freccia Bianca, Anci Piemonte sollecita incontro con Trenitalia
Cronaca 14 Agosto 2016 ore 07:27

"Sulla questione Freccia Bianca, Anci Piemonte ha chiesto un incontro con la Regione e con i vertici di Trenitalia subito dopo la pausa estiva". Il presidente dell'associazione dei Comuni piemontesi, Andrea Ballarè, interviene sull'argomento ricordando che, prima della pausa agostana, Anci Piemonte ha inviato a Regione e Trenitalia ben due richieste di incontro, una datata 20 luglio e l'altra 2 agosto.
"Nei giorni scorsi - conclude Ballarè - ho sentito telefonicamente l'assessore regionale ai trasporti Francesco Balocco, al quale ho rappresentato i rischi di marginalizzazione legati alla decisione di Trenitalia, che rischia di colpire in particolar modo i territori di Vercelli, Novara, Biella e Santhià. La Regione ha già dato la propria disponibilità, ma vogliamo si faccia di più. Oltre all'incontro, come Anci, abbiamo anche chiesto di poter partecipare ai tavoli di coordinamento e di confronto sulla questione che dovessero svolgersi a Roma, nella sede del Ministero dei Trasporti, a partire da settembre".

"Sulla questione Freccia Bianca, Anci Piemonte ha chiesto un incontro con la Regione e con i vertici di Trenitalia subito dopo la pausa estiva". Il presidente dell'associazione dei Comuni piemontesi, Andrea Ballarè, interviene sull'argomento ricordando che, prima della pausa agostana, Anci Piemonte ha inviato a Regione e Trenitalia ben due richieste di incontro, una datata 20 luglio e l'altra 2 agosto.
"Nei giorni scorsi - conclude Ballarè - ho sentito telefonicamente l'assessore regionale ai trasporti Francesco Balocco, al quale ho rappresentato i rischi di marginalizzazione legati alla decisione di Trenitalia, che rischia di colpire in particolar modo i territori di Vercelli, Novara, Biella e Santhià. La Regione ha già dato la propria disponibilità, ma vogliamo si faccia di più. Oltre all'incontro, come Anci, abbiamo anche chiesto di poter partecipare ai tavoli di coordinamento e di confronto sulla questione che dovessero svolgersi a Roma, nella sede del Ministero dei Trasporti, a partire da settembre".

Seguici sui nostri canali