Polizia forestale

Garbagna novarese: sequestrata discarica con 300 mc di rifuti

Sanzione pecuniaria di € 6.500

Garbagna novarese: sequestrata discarica con 300 mc di rifuti
Basso Novarese, 06 Maggio 2020 ore 15:15

Nei giorni scorsi le Stazioni Carabinieri Forestale di Borgolavezzaro e di Novara,
congiuntamente, hanno proceduto ad effettuare il sequestro d’iniziativa di un’area ove erano accumulati circa 300 mc di rifiuti.

Il sequestro

Si trattava di rifiuti misti, da demolizione edilizia, in ferro, plastica, legno, vetro, tutto materiale da smaltire, chiaramente proveniente da opere di demolizione e ristrutturazione edilizia.
Il materiale era stato ritrovato nel corso delle consuete attività di controllo del territorio, all’interno di un’area di proprietà privata sita nel comune di Garbagna Novarese. I rifiuti erano depositati sul terreno in maniera incontrollata, all’infuori del luogo di produzione e senza autorizzazione al deposito o al trattamento. Per questo si è proceduto a contestare il reato di illecito smaltimento e deposito incontrollato di rifiuti.

Fenomeno diffuso

Il fenomeno dell’illecito smaltimento nel campo dell’edilizia rimane molto diffuso. La gestione lecita di tali rifiuti ne impone sempre la piena tracciabilità in ogni passaggio del ciclo di produzione ed il trattamento solo presso siti autorizzati e con le modalità previste dalla legge.
Tutto ciò è prefissato allo scopo di prevenire indebite illecite immissioni di rifiuti in ambiente naturale ed eventuali forme di contaminazione ambientale.
Nel caso di specie, non sono emerse, tuttavia, situazioni di rischio o di pericolo per la salute pubblica, né contaminazioni ambientali gravi.

Il responsabile

Per i fatti accertati, è stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Novara un cittadino peruviano residente a Garbagna Novarese. Il sequestro è stato convalidato nei giorni scorsi. L’indagato potrà estinguere il reato provvedendo spontaneamente alla rimozione di tutti i rifiuti indebitamente depositati sul suolo, assicurando lo smaltimento degli stessi secondo i consueti canali legali e pagando una sanzione pecuniaria di € 6.500. Altrimenti, incorrerà nel conseguente procedimento penale che prevede, in caso di condanna, la pena dell’arresto da tre mesi a un anno o l’ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro.

In questi giorni, le attività di pattugliamento e la presenza sul territorio sono state notevolmente potenziate allo scopo di assicurare il pieno rispetto delle misure di contenimento contro la diffusione del COVID-19 e, nel contempo, di evitare che, approfittando di una minore presenza sul territorio dei cittadini, possa essere agevolata la commissione di reati contro il patrimonio ambientale.
Dall’inizio di questo periodo di emergenza sanitaria si tratta del quarto provvedimento di sequestro giudiziale assunto in concomitanza ad altrettanti casi di violazione ambientale accertata.

L’azione di controllo e di presidio del territorio proseguirà ulteriormente, puntuale e capillare, allo scopo di reprimere ogni forma di violazione ambientale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità