Cronaca

Gestione Trenitalia in Piemonte: l'Antitrust esprime dubbi sulla gara d'affidamento

Non si definiscono i servizi garantiti, pendolari e clienti a rischio disagi

Gestione Trenitalia in Piemonte: l'Antitrust esprime dubbi sulla gara d'affidamento
Cronaca Arona, 14 Gennaio 2017 ore 19:00

Non si definiscono i servizi garantiti, pendolari e clienti a rischio disagi

“L'Antitrust ha messo nero su bianco che i nostri dubbi sulla gara relativamente all’affidamento diretto del servizio a Trenitalia erano corretti ” lo dichiarano i consiglieri regionali Gilberto Pichetto, Gian Luca Vignale, Massimo Berutti, Francesco Graglia, Claudia Porchietto, Daniela, Ruffino e Diego Sozzani, che nei mesi scorsi avevamo presentato un dossier sull’intesa che la Regione ha raggiunto con Trenitalia. I consiglieri fanno riferimento alla lettera che l’Autorità garante della concorrenza ha trasmesso alla Regione in merito al protocollo siglato con Trenitalia che dovrebbe portare alla definizione di un “contratto ponte” da 220 milioni di euro e dalla durata di tre anni più uno. “Dopo anni di promesse sulla trasparenza e sul miglioramento del servizio ferroviario regionale – proseguono i consiglieri – la Regione ha consegnato a Trenitalia un vero contratto di servizio che specifica costi e durata, ma non definisce i servizi che dovranno essere garantiti. Per questo motivo avevamo espresso dubbi sulla trasparenza e sulla correttezza dell’intesa raggiunta e l’attenzione che l’Antitrust ha espressamente dichiarato riserverà alle procedure di affidamento dimostra che avevamo ragione”. “Ci chiediamo se - concludono – dopo la comunicazione dell’Antitrust, i vari esposti da parte di molte aziende unitamente alle nostre perplessità, la giunta Chiamparino continuerà anche sul sistema dei trasporti sulla propria strada o se per una volta sceglierà il dialogo ed il confronto costruttivo. In ballo ci sono oltre 58 milioni di euro di efficienza che si potrebbero risparmiare attraverso le gare per l’affidamento dei servizi e una gestione dei trasporti che continua a creare problemi e a penalizzare i piemontesi”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter