Cronaca

Ghiffa, scoperto un resort abusivo dalla GdF

Ghiffa, scoperto un resort abusivo dalla GdF
Cronaca 01 Settembre 2016 ore 12:08

GHIFFA, Nei giorni scorsi le Fiamme Gialle della Compagnia di Verbania, nell’ambito dei servizi istituzionali in materia di tutela delle entrate dello Stato, hanno avviato un controllo fiscale nei confronti di un cittadino italiano, residente in Lichtenstein, proprietario di 14 appartamenti e 6 stanze doppie a Ghiffa (Vb) dislocati su 5 ville a formare un unico comprensorio, vista lago con giardino e piscina. Questi immobili, pubblicizzati su un sito internet tedesco, venivano dati in locazione per brevi periodi di vacanza abusivamente, a clienti esclusivamente stranieri, senza effettuare nessuna comunicazione agli enti preposti (nessuna 'scia' trasmessa al Comune, nessuna comunicazione di pubblica sicurezza trasmessa alla Questura, nessun titolo di carattere autorizzativo di Asl e Vigili del fuoco per l’esercizio dell’attività turistico recettiva) e senza mai dichiarare i relativi redditi. All’atto dell’accesso i finanzieri hanno riscontrato la presenza di due “collaboratori famigliari” di nazionalità rumena e di un “giardiniere” di origini albanesi che svolgevano le mansioni di pulizia camere e ricezione della clientela.Non risulta sia stata mai presentata alcuna dichiarazione dei redditi per quella che, spiega la Finanza, "possiamo considerare, a tutti gli effetti, una attività d’impresa svolta senza l’adempimento di alcun obbligo fiscale, contributivo e previdenziale, come confermato dallo stesso proprietario. Quest’ultimo inoltre, fermato al valico di Piaggio Valmara, a fine luglio, per un controllo valutario, non dichiarava di transitare con 15.297,66 euro in contanti, in cosciente violazione degli obblighi di legge in materia di movimentazione transfrontaliera di capitali".L’intervento avviato rappresenta un’efficace risposta del Corpo a un fenomeno evasivo considerevole nella Provincia del Verbano Cusio Ossola, che, grazie alle opportunità naturali e storiche, fonda, da sempre, una parte considerevole del proprio sviluppo e della propria crescita sul turismo nazionale e internazionale. L’attenzione della Guardia di Finanza in questo settore, contribuisce a garantire lo sviluppo dell’economia sana, del lavoro e delle imprese ad esso legate.mo.c.

GHIFFA, Nei giorni scorsi le Fiamme Gialle della Compagnia di Verbania, nell’ambito dei servizi istituzionali in materia di tutela delle entrate dello Stato, hanno avviato un controllo fiscale nei confronti di un cittadino italiano, residente in Lichtenstein, proprietario di 14 appartamenti e 6 stanze doppie a Ghiffa (Vb) dislocati su 5 ville a formare un unico comprensorio, vista lago con giardino e piscina. Questi immobili, pubblicizzati su un sito internet tedesco, venivano dati in locazione per brevi periodi di vacanza abusivamente, a clienti esclusivamente stranieri, senza effettuare nessuna comunicazione agli enti preposti (nessuna 'scia' trasmessa al Comune, nessuna comunicazione di pubblica sicurezza trasmessa alla Questura, nessun titolo di carattere autorizzativo di Asl e Vigili del fuoco per l’esercizio dell’attività turistico recettiva) e senza mai dichiarare i relativi redditi. All’atto dell’accesso i finanzieri hanno riscontrato la presenza di due “collaboratori famigliari” di nazionalità rumena e di un “giardiniere” di origini albanesi che svolgevano le mansioni di pulizia camere e ricezione della clientela.Non risulta sia stata mai presentata alcuna dichiarazione dei redditi per quella che, spiega la Finanza, "possiamo considerare, a tutti gli effetti, una attività d’impresa svolta senza l’adempimento di alcun obbligo fiscale, contributivo e previdenziale, come confermato dallo stesso proprietario. Quest’ultimo inoltre, fermato al valico di Piaggio Valmara, a fine luglio, per un controllo valutario, non dichiarava di transitare con 15.297,66 euro in contanti, in cosciente violazione degli obblighi di legge in materia di movimentazione transfrontaliera di capitali".L’intervento avviato rappresenta un’efficace risposta del Corpo a un fenomeno evasivo considerevole nella Provincia del Verbano Cusio Ossola, che, grazie alle opportunità naturali e storiche, fonda, da sempre, una parte considerevole del proprio sviluppo e della propria crescita sul turismo nazionale e internazionale. L’attenzione della Guardia di Finanza in questo settore, contribuisce a garantire lo sviluppo dell’economia sana, del lavoro e delle imprese ad esso legate.mo.c.

Seguici sui nostri canali