Cronaca

Giornata per la prevenzione dall’ictus cerebrale: molte le visite effettuate

Giornata per la prevenzione dall’ictus cerebrale: molte le visite effettuate
Cronaca 05 Novembre 2016 ore 11:41

NOVARA, Un’intera giornata, dalle 10 alle 19, in piazza, per sensibilizzare e prevenire l’ictus cerebrale. E’ quanto è andato in scena in piazza Duomo, dove A.L.I.Ce (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) Novara onlus, realtà presieduta da Elena Codini, ha dato vita all’iniziativa “Vieni e previeni”. Una giornata di prevenzione in occasione della Giornata mondiale per la lotta all’ictus cerebrale giunta alla XII edizione e che quest’anno è stata dedicata a evidenziare gli aspetti trattabili dell’ictus, dalla sua curabilità alla prevenzione, dall’importanza degli stili di vita corretti al riconoscimento precoce dei sintomi, alla necessità di pari opportunità nell’accesso alle cure, sottolineando come la riabilitazione sia un passo fondamentale di questo processo.

Per questa ragione, l’associazione ha pensato a un’opportunità valida per tutta la cittadinanza di Novara. A disposizione di quanti sono transitati in centro, un cardiologo, che ha effettuato l’esame dell’elettrocardiogramma, infermieri dell’Azienda Ospedaliero Universitaria "Maggiore della Carità", che si sono occupati di rilevare la pressione e la glicemia e un neurologo che ha eseguito l’ecocolordoppler alle carotidi. Un’iniziativa che ha visto la collaborazione, per il supporto logistico, della Cb Scorpion del presidente Sandro Bertona e della Novara Soccorso con il presidente Stefano Noè. «La giornata – commenta la presidente di A.L.I.Ce, Codini – è stata molto positiva.

Sono stati in tanti a passare, fermarsi, chiedere e tanti sono stati coloro che hanno voluto farsi visitare. Il tempo è vita, anche e soprattutto per i giovani. Oggi abbiamo voluto dare una mano a far conoscere la patologia. L’ictus, infatti, colpisce tutte le età. A darci una mano personale volontario infermieristico e medico. Ci hanno aiutato Paola Rovida, fisioterapista, Donatella Aralda, cardiologa, Lorenzo Coppo e Andrea Nardi, neurologi. Poi è sempre stata qui a darmi una mano la tesoriera di A.L.I.Ce, Sonia Rendi. Sono passate oltre un’ottantina di persone. Una giornata importantissima e riuscita, di prevenzione e sensibilizzazione».  Per informazioni sull’associazione, recapito telefonico: 347 2710765 Mail: alicenovaraonlus@libero.it.

mo.c.

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola

NOVARA, Un’intera giornata, dalle 10 alle 19, in piazza, per sensibilizzare e prevenire l’ictus cerebrale. E’ quanto è andato in scena in piazza Duomo, dove A.L.I.Ce (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) Novara onlus, realtà presieduta da Elena Codini, ha dato vita all’iniziativa “Vieni e previeni”. Una giornata di prevenzione in occasione della Giornata mondiale per la lotta all’ictus cerebrale giunta alla XII edizione e che quest’anno è stata dedicata a evidenziare gli aspetti trattabili dell’ictus, dalla sua curabilità alla prevenzione, dall’importanza degli stili di vita corretti al riconoscimento precoce dei sintomi, alla necessità di pari opportunità nell’accesso alle cure, sottolineando come la riabilitazione sia un passo fondamentale di questo processo.

Per questa ragione, l’associazione ha pensato a un’opportunità valida per tutta la cittadinanza di Novara. A disposizione di quanti sono transitati in centro, un cardiologo, che ha effettuato l’esame dell’elettrocardiogramma, infermieri dell’Azienda Ospedaliero Universitaria "Maggiore della Carità", che si sono occupati di rilevare la pressione e la glicemia e un neurologo che ha eseguito l’ecocolordoppler alle carotidi. Un’iniziativa che ha visto la collaborazione, per il supporto logistico, della Cb Scorpion del presidente Sandro Bertona e della Novara Soccorso con il presidente Stefano Noè. «La giornata – commenta la presidente di A.L.I.Ce, Codini – è stata molto positiva.

Sono stati in tanti a passare, fermarsi, chiedere e tanti sono stati coloro che hanno voluto farsi visitare. Il tempo è vita, anche e soprattutto per i giovani. Oggi abbiamo voluto dare una mano a far conoscere la patologia. L’ictus, infatti, colpisce tutte le età. A darci una mano personale volontario infermieristico e medico. Ci hanno aiutato Paola Rovida, fisioterapista, Donatella Aralda, cardiologa, Lorenzo Coppo e Andrea Nardi, neurologi. Poi è sempre stata qui a darmi una mano la tesoriera di A.L.I.Ce, Sonia Rendi. Sono passate oltre un’ottantina di persone. Una giornata importantissima e riuscita, di prevenzione e sensibilizzazione».  Per informazioni sull’associazione, recapito telefonico: 347 2710765 Mail: alicenovaraonlus@libero.it.

mo.c.

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola