“Siamo fermi da mesi”

Giostrai del Luna Park “Galliate, Cameri, Trecate e Cerano non ci vogliono: siamo disperati”

“Non si può impedirci di lavorare”

Giostrai del Luna Park “Galliate, Cameri, Trecate e Cerano non ci vogliono: siamo disperati”
Ovest Ticino, 12 Agosto 2020 ore 08:37

Sono una delle categorie che ha visto bloccarsi il lavoro da un momento all’altro a causa del Covid. I giostrai del Luna Park che avevano un fitto calendario di date anche nel novarese lanciano il loro grido disperato.

Luna park

“Io sono un esercente dello spettacolo viaggiante, o giostraio che dir si voglia – scrive Roberto Claudi in un accorato post su facebook – dovete sapere che dal mese di maggio le attivita’ come la mia (in particolar modo quelle all’aperto) hanno avuto il via libera dal decreto ministeriale a poter riprendere la propria attivita’, ovviamente solo dopo aver messo in opera le linee guida per garantire la non diffusione del virus covid19, proprio come ogni altra attivita’ ci sono stati dei cambiamenti radicali, la mole lavorativa non e’ certo quella delle stagioni scorse a causa del timore delle persone e dai limiti imposti dalle linee guida stesse, ora vi chiederete che c’e’ di strano in tutto cio’?…..nulla se non fosse che capitanati dal Comune di Galliate i comuni di Cameri, Trecate, Cerano, Turbigo e forse Romentino hanno deciso di non adeguarsi al DCPM che autorizza la partenza della mia professione. TENGO A FAR SAPERE CHE QUESTO NON SUCCEDE IN NESSUNA ALTRA PARTE D’ITALIA: pensate che in Lombardia sono gia’ state autorizzate tutte le sagre con luna park, addirittura a BERGAMO il Sindaco ha offerto gratuitamente il plateatico ai miei colleghi in cambio di una giornata gratis per gli infermieri. Ovviamente l’idea piu’ facile e’  “vai a Bergamo” ma noi siamo calendarizzati da mesi e pertanto non e’ possibile spostare il mio lavoro altrove, l’unica soluzione è la chiusura.

La chiusura forzata

 

“Io personalmente sono stato chiuso dal 7 gennaio in attesa del carnevale che poi con l’intera stagione e’ saltato, ormai siamo allo stremo delle risorse e delle forze: ho 3 figli, e di giostre io ci vivo. Mi hanno detto che vogliono contenere il covid ed osservare un rispetto per i morti, ok dico io, ma poi ci sono in programma concerti e manifestazioni varie, allora il virus si prende solo alle giostre? capisco che per voi sia divertimento, ma per noi il luna park e’ lavoro, fermare il lavoro altrui è contro la  legge: questo è un grido di disperazione”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità