Cronaca

Guardia costiera ausiliaria: il nuovo presidente è Vezio Fava

L'associazione è pronta per le sfide di quest'anno

Guardia costiera ausiliaria: il nuovo presidente è Vezio Fava
Cronaca 31 Gennaio 2018 ore 11:00

Guardia costiera ausiliaria di Arona: cambio al vertice dell'associazione.

Guardia costiera ausiliaria nomina un nuovo presidente

Novità in vista per la guardia costiera ausiliaria di Arona. L'associazione che si riunisce nello stesso stabile che ospita anche la lega navale infatti, ha nominato come suo presidente il castellettese Vezio Fava. Sarà lui a succedere nell'incarico al suo predecessore Pietro Messina. Per Fava si tratta esclusivamente di un passaggio di consegne, dal momento che il suo nome figurava già tra quelli degli operativi del gruppo di volontari aronesi.

Eletto anche il nuovo direttivo del gruppo

Nel corso della nomina di Fava è stato eletto anche il nuovo consiglio direttivo. Al vertice del gruppo compaiono insieme a Fava anche Emanuele Laboranti, vice presidente, Paolo Aureliano Furrer, tesoriere, Francesco Mensa e Giorgio Sanfilippo in qualità di consiglieri. I revisori dei conti saranno invece Giuseppe Orrù e Giovanni Strona. Emanuele Laboranti e Paolo Aureliano Furrer hanno quindi ottenuto il nuovo incaricando mantenendo rispettivamente le cariche di capo centro e di vice capo centro del centro operativo di Arona.

I prossimi progetti dell'associazione

Tra gli impegni in programma per il futuro c'è anche il servizio di sicurezza che sarà prestato in occasione del prossimo show delle Frecce Tricolori. "L'obiettivo – spiega il neo presidente Fava – è quello di aumentare il coinvolgimento della popolazione nei confronti del nostro gruppo e allo stesso tempo di essere maggiormente presenti nelle scuole del circondario con corsi e iniziative di sensibilizzazione. E' importante che le nuove generazioni siano educate al rispetto del lago. Le nostre attività nel prossimo futuro si concentreranno poi sulla gestione dei corsi e sulla vigilanza dei corsi d'acqua in collaborazione con la guardia costiera. Sicuramente saremo impegnati nelle attività di vigilanza e di tutela della sicurezza in occasione del ritorno sul lago delle Frecce Tricolori. Quella sarà una sfida importante per la quale ci faremo trovare preparati".