Cronaca

I sindaci dell’Asl Novara: “Il Santissima Trinità non sia solo ospedale covid”

L'appello del sindaco Gianluca Godio.

I sindaci dell’Asl Novara: “Il Santissima Trinità non sia solo ospedale covid”
Borgomanero, 16 Novembre 2020 ore 09:17

E’ il primo cittadino di Gozzano a lanciare l’allarme sulla situazione sanitaria del borgomanerese: da settimane infatti in viale Zoppis si rivolgono molte persone anche da fuori provincia, oltre il territorio di competenza dell’Asl Novarese, visto lo stato di stress in cui è tutta la rete sanitaria piemontese.

I sindaci del Novarese: “Il Santissima Trinità non sia solo ospedale covid”

E’ Gianluca Godio, sindaco di Gozzano, che prende la parola a nome della conferenza dei sindaci dell’Asl Novarese, e lo fa con un comunicato stampa senza mezzi termini, dopo la comunicazione dei dati dall’Asl che riguardano l’ospedale agognino. Nella struttura, che ha dedicato tre piani all’accoglimento dei pazienti covid, sono ricoverate 96 persone di cui 46 in media intensità, 28 in sub intensità e 21 in terapia intensiva.

“L’ospedale di Borgomanero è in una situazione critica. Noi come sindaci dobbiamo agire affinché il Santissima Trinità non sia solo un nosocomio per il covid-19, ma si occupi anche delle altre patologie, che non sono scomparse, ma necessitano di attenzioni soprattutto in urgenza. Questi impongono delle riflessioni: nonostante lo sforzo enorme e continuo del personale medico e amministrativo per poter decongestionare i reparti, e creare nuovi posti, dato che gli accessi al pronto soccorso sono parecchi, abbiamo la necessità di spostare i malati, meno gravi, in strutture come la Maugeri di Veruno o i Cedri di Fara, centri in grado di ben gestire il decorso della malattia. Auspichiamo che il dipartimento interaziendale dell’emergenza, che ha la competenza di collocare sul territorio regionale i malati e nel quale  attualmente sono in forza due seri professionisti che hanno operato nelle strutture novaresi, che ben conoscono la realtà del nostro territorio, prendano in considerazione un criterio fondamentale, ossia,  che la distribuzione dei posti letto, venga fatta favorendo i malati residenti nel proprio  territorio”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità