Incarico prestigioso

Il nuovo ct della nazionale di Strongman è l’aronese Andrea Ravasi

51 anni e un passato da bodybuilder

Il nuovo ct della nazionale di Strongman è l’aronese Andrea Ravasi
Arona, 10 Dicembre 2019 ore 06:15

L’ufficializzazione è arrivata nella giornata di Domenica 8 Dicembre tramite la Pagina ufficiale della Federazione Italiana Strongest Man (nome della pagina “Strongman Italia”).

Andrea Ravasi ct ecco il comunicato

“In data 07/12/2019, Andrea Legnaioli, in qualità di Presidente della Federazione Italiana Strongest Man, con mandato ufficiale del Consiglio Direttivo della stessa, ha affidato l’incarico di “Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di Strongman” al sig. Ravasi Andrea per la stagione sportiva 2020.
L’incarico di C.T. prevede un profondo impegno dello stesso, in collaborazione con i Rappresentanti delegati della Federazione, con l’obiettivo di convocare la miglior selezione di atleti disponibili tra i tesserati F.I.S.Man della stagione in corso, sulla base dei risultati più recentemente ottenuti in gare ufficiali, e preparare al meglio gli stessi a competizioni internazionali di squadra, che garantiscano il degno lustro alla Nazione che rappresentano”.

 

Chi è Ravasi


Ravasi, 51enne di Arona (NO), con un passato importante in pallanuoto, bodybuilding e powerlifting, è approdato allo strongman nel 2014 come Rookie, guadagnandosi la promozione a PRO alla prima occasione possibile. Da quel momento è stato assoluto protagonista nelle gare della categoria PRO under 90kg, per poi avventurarsi nella categoria Open a partire dal 2018 con risultati di grande rilevanza nonostante i sopraggiunti limiti d’età.
Combattivo, determinato, saggio, uomo di sani principi e profondamente innamorato dello strongman, si è dichiarato da subito estremamente entusiasta della proposta ricevuta, con tantissima voglia di preparare al meglio la squadra che dovrà presentarsi ai prossimi impegni internazionali contro squadre europee dallo smisurato livello tecnico.
Nei prossimi giorni il nuovo C.T. si presenterà ufficialmente agli atleti nel giro della Nazionale, e col supporto della Federazione organizzerà stage mirati soprattutto allo sviluppo della cooperazione nelle prove a team“.