Menu
Cerca
Dispositivi pericolosi

Il Politecnico di Torino avverte: “Attenzione alle mascherine CE2163 e a quelle di stoffa”

Secondo il Professor Tronville due strati di carta da cucina sarebbero molto più efficaci delle mascherine di stoffa.

Il Politecnico di Torino avverte: “Attenzione alle mascherine CE2163 e a quelle di stoffa”
Cronaca 06 Marzo 2021 ore 07:06

I laboratori del Politecnico di Torino hanno certificato l’inefficacia delle mascherine provenienti dalla Turchia e destinate alle Asl di Torino.
Lo riportano i colleghi di primatorino.it

Caccia ai dispositivi pericolosi

Il Professor Paolo Tronville, docente di Fisica Tecnica Ambientale presso il Politecnico, ha esaminato le FFP2 e FFP3 maxi provenienti dal sequestro della Guardia di Finanza al Porto di Trieste. Non dovrebbero far filtrare più dell’1% di particelle di aerosol ma spesso così non avviene, in alcuni casi si parte dal 13-15%, in un caso 27%.

Il consulente si è trovato spesso di fronte al codice di certificazione CE2163 dell’azienda turca Universal e i risultati sono stati parecchio discontinui.

Passaggi oscuri della filiera

Inoltre, ci sarebbero molti passaggi oscuri nella filiera delle mascherine con tanto di laboratori di certificazione fantasma sparsi per il mondo e praticamente impossibili da contattare. Il laboratorio del Politecnico ha aiutato molte procure del Piemonte e lo stesso Professor Tronville ha cercato di parlare con un laboratorio negli Stati Uniti che non ha neanche mai risposto al telefono.

E le mascherine in stoffa? Meglio la carta da cucina

Ma il dibattito mondiale oggi è più che altro sulle mascherine di stoffa: bastano veramente a proteggerci?

Ebbene, secondo il Professore sono spesso inefficaci, tanto che due strati di carta da cucina sarebbero meglio di molte che sono oggi in circolazione.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli