Cronaca

«Il ponte è transitabile in completa sicurezza»

«Il ponte è transitabile in completa sicurezza»
Cronaca 04 Febbraio 2017 ore 10:39

VERCELLI - E' stato riaperto poco dopo mezzogiorno di ieri, venerdì 3 febbraio, il ponte sul fiume Sesia che collega Vercelli e Borgo Vercelli, unendo così vercellese e novarese, rimasto inaccessibile per tutta la notte per consentire verifiche tecniche. La notizia della riapertura è stata accompagnata da una nota nella quale la Provincia di Vercelli (responsabile del tratto stradale) puntualizza quanto accaduto: «Il ponte in questione è transitabile in completa sicurezza. Non è avvenuto alcun cedimento strutturale. Le fessurazioni superficiali sul manto stradale sono dovute alle variazioni termiche che si verificano normalmente sulla sede stradale tra la fine di gennaio e il mese di marzo. Sulle strutture portanti non sono presenti fessurazioni. Il modesto distanziamento visibile tra alcuni mattoni del timpano murario dell’ultima vecchia campata, rilevato nel sopralluogo dei Vigili del Fuoco, era già presente e noto in fase di esecuzione dei lavori ed è completamente irrilevante in ordine alla stabilità del ponte. Appurato questo, risultano quindi prive di ogni fondamento e inopportune le dichiarazioni di chi collega i problemi alle tubazioni del gas di proprietà di Atena a cedimenti strutturali del ponte».

In conclusione il presidente della Provincia di Vercelli, Carlo Riva Vercellotti, spiega: «Viviamo continuamente nella paura che capiti una tragedia. Posso immaginare le ragioni che hanno portato, dopo la segnalazione di un cittadino, i Vigili del Fuoco e i Vigili urbani di Vercelli a interdire il transito sul ponte. Ragioni precauzionali che fortunatamente non avevano fondamento. Il ponte è sano e percorribile».Le verifiche, coordinate dai pompieri, sono state seguite, oltre che dai tecnici della Provincia, dal Consigliere delegato alla Viabilità, Pier Mauro Andorno: «Bene fermarsi e verificare, quando in gioco ci sono delle vite umane. Posso confermare che, da un punto di vista tecnico, non ci sono problemi di cedimento o altro». Subito dopo è arrivata anche una dichiarazione di Atena a parziale correzione di quanto diramato dalla stessa azienda qualche ora prima in relazione alla citata perdita di gas: «Atena conseguentemente ad una chiamata dei Vigili del Fuoco circa una sospetta lesionedel ponte sul Sesia, ha provveduto alla verifica dello stato della linea di gas che alimenta le circa 350 famiglie della zona in direzione di Novara. E’ stata individuata una leggera perdita che non desta preoccupazione ma, al fine di garantire l’alimentazione degli utenti , gli operatori Atena hanno effettuato un intervento di messa in sicurezza della linea del gas, mantenendola sotto osservazione per tutta la nottata. Atena inoltre si è attivata per garantire l’alimentazione anche in caso di ulteriori criticità che avessero reso necessario la sospensione dell’alimentazione diretta. La continuità del servizio sarà comunque garantita tramite l’utilizzo del carro bombolaio reso disponibile con intervento immediato».

Paolo Usellini

VERCELLI - E' stato riaperto poco dopo mezzogiorno di ieri, venerdì 3 febbraio, il ponte sul fiume Sesia che collega Vercelli e Borgo Vercelli, unendo così vercellese e novarese, rimasto inaccessibile per tutta la notte per consentire verifiche tecniche. La notizia della riapertura è stata accompagnata da una nota nella quale la Provincia di Vercelli (responsabile del tratto stradale) puntualizza quanto accaduto: «Il ponte in questione è transitabile in completa sicurezza. Non è avvenuto alcun cedimento strutturale. Le fessurazioni superficiali sul manto stradale sono dovute alle variazioni termiche che si verificano normalmente sulla sede stradale tra la fine di gennaio e il mese di marzo. Sulle strutture portanti non sono presenti fessurazioni. Il modesto distanziamento visibile tra alcuni mattoni del timpano murario dell’ultima vecchia campata, rilevato nel sopralluogo dei Vigili del Fuoco, era già presente e noto in fase di esecuzione dei lavori ed è completamente irrilevante in ordine alla stabilità del ponte. Appurato questo, risultano quindi prive di ogni fondamento e inopportune le dichiarazioni di chi collega i problemi alle tubazioni del gas di proprietà di Atena a cedimenti strutturali del ponte».

In conclusione il presidente della Provincia di Vercelli, Carlo Riva Vercellotti, spiega: «Viviamo continuamente nella paura che capiti una tragedia. Posso immaginare le ragioni che hanno portato, dopo la segnalazione di un cittadino, i Vigili del Fuoco e i Vigili urbani di Vercelli a interdire il transito sul ponte. Ragioni precauzionali che fortunatamente non avevano fondamento. Il ponte è sano e percorribile».Le verifiche, coordinate dai pompieri, sono state seguite, oltre che dai tecnici della Provincia, dal Consigliere delegato alla Viabilità, Pier Mauro Andorno: «Bene fermarsi e verificare, quando in gioco ci sono delle vite umane. Posso confermare che, da un punto di vista tecnico, non ci sono problemi di cedimento o altro». Subito dopo è arrivata anche una dichiarazione di Atena a parziale correzione di quanto diramato dalla stessa azienda qualche ora prima in relazione alla citata perdita di gas: «Atena conseguentemente ad una chiamata dei Vigili del Fuoco circa una sospetta lesionedel ponte sul Sesia, ha provveduto alla verifica dello stato della linea di gas che alimenta le circa 350 famiglie della zona in direzione di Novara. E’ stata individuata una leggera perdita che non desta preoccupazione ma, al fine di garantire l’alimentazione degli utenti , gli operatori Atena hanno effettuato un intervento di messa in sicurezza della linea del gas, mantenendola sotto osservazione per tutta la nottata. Atena inoltre si è attivata per garantire l’alimentazione anche in caso di ulteriori criticità che avessero reso necessario la sospensione dell’alimentazione diretta. La continuità del servizio sarà comunque garantita tramite l’utilizzo del carro bombolaio reso disponibile con intervento immediato».

Paolo Usellini

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter