Cronaca

In due a processo per un tentativo di furto a Galliate

In due a processo per un tentativo di furto a Galliate
Cronaca 24 Novembre 2015 ore 15:48

NOVARA – “Era suonato il segnale dell’antifurto e subito sono andato a controllare il ragazzo che usciva dal negozio. Gli ho passato addosso l’apparecchiatura e ci siamo accorti che portava due paia di pantaloni, uno era il suo, l’altro uno che stava cercando di asportare dal negozio. Ha deciso di recarsi nello spogliatoio, per toglierseli e renderceli, ma i pantaloni ovviamente avevano un buco nello spazio adibito alle placche antitaccheggio, che l’uomo aveva cercato di togliere. Ho allertato subito i carabinieri”.

A parlare un commesso del negozio Shun Fa di via Montenero a Galliate, nel Novarese, teste al processo a carico di due varesini, un uomo e una donna, che nel marzo del 2014 avevano tentato un furto al negozio dell’Ovest Ticino. In aula è stato ascoltato anche un carabiniere intervenuto quel giorno, che ha evidenziato come l’uomo fermato, controllato in caserma, indossava anche due magliette, una sopra l’altra, anche in questo caso una sottratta dal negozio. “Quando siamo arrivati c’era disordine e c’era uno dei commessi con la camicia strappata e del sangue sulla camicia”. Uno dei dipendenti, infatti, pare abbia avuto una colluttazione con l’uomo poi fermato. La donna, come emerso in aula, pare sia uscita dopo aver regolarmente acquistato qualcosa, salvo poi rientrare al fermo dell’uomo. “Ha poi iniziato a gettare a terra diversi oggetti”, ha sostenuto il teste. Prossima udienza il 5 aprile.

mo.c.


NOVARA – “Era suonato il segnale dell’antifurto e subito sono andato a controllare il ragazzo che usciva dal negozio. Gli ho passato addosso l’apparecchiatura e ci siamo accorti che portava due paia di pantaloni, uno era il suo, l’altro uno che stava cercando di asportare dal negozio. Ha deciso di recarsi nello spogliatoio, per toglierseli e renderceli, ma i pantaloni ovviamente avevano un buco nello spazio adibito alle placche antitaccheggio, che l’uomo aveva cercato di togliere. Ho allertato subito i carabinieri”.

A parlare un commesso del negozio Shun Fa di via Montenero a Galliate, nel Novarese, teste al processo a carico di due varesini, un uomo e una donna, che nel marzo del 2014 avevano tentato un furto al negozio dell’Ovest Ticino. In aula è stato ascoltato anche un carabiniere intervenuto quel giorno, che ha evidenziato come l’uomo fermato, controllato in caserma, indossava anche due magliette, una sopra l’altra, anche in questo caso una sottratta dal negozio. “Quando siamo arrivati c’era disordine e c’era uno dei commessi con la camicia strappata e del sangue sulla camicia”. Uno dei dipendenti, infatti, pare abbia avuto una colluttazione con l’uomo poi fermato. La donna, come emerso in aula, pare sia uscita dopo aver regolarmente acquistato qualcosa, salvo poi rientrare al fermo dell’uomo. “Ha poi iniziato a gettare a terra diversi oggetti”, ha sostenuto il teste. Prossima udienza il 5 aprile.

mo.c.