In manette per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni

In manette per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni
Cronaca 31 Agosto 2015 ore 17:37

CERANO– Il Nucleo radiomobile dei Carabinieri ha arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali un cittadino di nazionalità albanese, di circa 30 anni, incensurato e regolare sul territorio.

E’ successo nella notte tra domenica 30 e lunedì 31 agosto in un bar gestito da cinesi a Cerano, nel Novarese.

L’uomo, stando a quanto ricostruito dai militari, aveva parcheggiato l’auto nei pressi del bar, urtando e danneggiando un veicolo posteggiato, di proprietà di una donna. Sembrerebbe che l’uomo, in visibile stato di ebbrezza alcolica, abbia minacciato i presenti in zona e nel locale di non dire nulla. La donna, però, ha chiamato i militari, che sono intervenuti e hanno invitato l’uomo a seguirlo. Lui, di tutta risposta, ha reagito, non fornendo le proprie generalità e reagendo e opponendo resistenza, cagionando lievi lesioni ad alcuni dei Carabinieri.

Assistito dall’avvocato Alessandro Modestino, stamani, l’uomo, H.T., era in attesa del processo per direttissima.

mo.c.


CERANO– Il Nucleo radiomobile dei Carabinieri ha arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali un cittadino di nazionalità albanese, di circa 30 anni, incensurato e regolare sul territorio.

E’ successo nella notte tra domenica 30 e lunedì 31 agosto in un bar gestito da cinesi a Cerano, nel Novarese.

L’uomo, stando a quanto ricostruito dai militari, aveva parcheggiato l’auto nei pressi del bar, urtando e danneggiando un veicolo posteggiato, di proprietà di una donna. Sembrerebbe che l’uomo, in visibile stato di ebbrezza alcolica, abbia minacciato i presenti in zona e nel locale di non dire nulla. La donna, però, ha chiamato i militari, che sono intervenuti e hanno invitato l’uomo a seguirlo. Lui, di tutta risposta, ha reagito, non fornendo le proprie generalità e reagendo e opponendo resistenza, cagionando lievi lesioni ad alcuni dei Carabinieri.

Assistito dall’avvocato Alessandro Modestino, stamani, l’uomo, H.T., era in attesa del processo per direttissima.

mo.c.