Cronaca

Legata e rapinata di notte in casa

Legata e rapinata di notte in casa
Cronaca 21 Maggio 2015 ore 06:23

NOVARA - Un tentato furto in casa, sfumato per l’intervento dei vicini, per questo malmenati.  E’ avvenuto nella notte fra lunedì e martedì, intorno all’una, in un palazzone in fondo a via Merula, traversa di viale Buonarroti. Nell’appartamento al piano terra abita una anziana, che a quell’ora era a letto. Improvvisamente si è trovata in casa uno sconosciuto, a quanto pare incappucciato, intento a rovistare. Non è chiaro se la donna sia stata solo minacciata o addirittura, come sembra, anche legata e imbavagliata, sta di fatto che una coppia di coinquilini, dal piano di sopra, ha udito dei rumori e, insospettita, ha pensato bene di scendere a controllare, essendo oltretutto in possesso delle chiavi dell’appartamento. Prima è entrata la moglie, trovandosi a tu per tu con lo sconosciuto, poi il marito, che risulta sia stato colpito, pare addirittura con un corpo contundente, da quest’ultimo per guadagnarsi la fuga.

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di giovedì 21 maggio

NOVARA - Un tentato furto in casa, sfumato per l’intervento dei vicini, per questo malmenati.  E’ avvenuto nella notte fra lunedì e martedì, intorno all’una, in un palazzone in fondo a via Merula, traversa di viale Buonarroti. Nell’appartamento al piano terra abita una anziana, che a quell’ora era a letto. Improvvisamente si è trovata in casa uno sconosciuto, a quanto pare incappucciato, intento a rovistare. Non è chiaro se la donna sia stata solo minacciata o addirittura, come sembra, anche legata e imbavagliata, sta di fatto che una coppia di coinquilini, dal piano di sopra, ha udito dei rumori e, insospettita, ha pensato bene di scendere a controllare, essendo oltretutto in possesso delle chiavi dell’appartamento. Prima è entrata la moglie, trovandosi a tu per tu con lo sconosciuto, poi il marito, che risulta sia stato colpito, pare addirittura con un corpo contundente, da quest’ultimo per guadagnarsi la fuga.

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di giovedì 21 maggio