Cronaca

L'ex ambulatorio di piazzale Donatello torna alla comunità

L'ex ambulatorio di piazzale Donatello torna alla comunità
Cronaca 08 Gennaio 2016 ore 10:15

Si completa il percorso di Democrazia Deliberativa attivato nella zona Sud di Novara dalla Onlus Territorio e Cultura. Da lunedì 11 gennaio partiranno ufficialmente le attività nell’ex ambulatorio di piazzale Donatello recuperato grazie all’impegno dei cittadini. “Un risultato che va al di là delle nostre aspettative ad inizio progetto” non nascondono gli operatori di SpeDD.

Lo scorso ottobre, grazie al micro-progetto RiESCo (Riattivare Energie per gli Spazi Comuni, la struttura che per anni aveva ospitato il Consultorio dell’Asl era ritornata agibile. E ora con il nuovo anno partiranno anche le attività, con un calendario davvero fitto. Tra i servizi offerti ci saranno il patronato, gli sportelli casa, stranieri e disabili e i laboratori per bambini. Tutte attività pensate e messe in pratica dagli stessi partecipanti al progetto nell’ottica della costruzione dal basso che ha sempre ispirato il progetto, nato da un percorso di confronto tra i residenti durato oltre un anno con i metodi della democrazia deliberativa. Nello specifico le attività programmate ogni settimana sono queste. Sportello CAAF RED, ISEE, bonus gas e bonus energia è aperto il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12:30 a cura di  Movimento Cristiano Lavoratori. Sportello Casa per assistenza legale, fiscale, locativa e tecnica condomini ogni mercoledì dalle 16 alle 19 a cura di Confabitare. Sportello informativo per cittadini stranieri ogni Giovedì dalle 15 alle 17 a cura di Centro di Solidarietà San Francesco alla Rizzottaglia. Sportello per i residenti delle case popolari con assistenza e mediazione per problematiche relative alle case popolari e ai loro inquilini ogni Giovedì dalle 17 alle 19 a cura di Associazione “Cittadini del Quartiere Sud”. Sportello disabilità con assistenza amministrativa per persone con disabilità ogni Sabato dalle 10 alle 12 a cura di Volontari Esperti. Sportello di Ascolto per genitori, adolescenti e bambini ogni primo e terzo martedì (9:30 - 11)  e mercoledì (14:30 - 16) del mese e ogni secondo e quarto venerdì (9:30 - 11:00 e 16:30 - 18) del mese a cura di Gruppo DiversaMente. Saranno inoltre attivati successivamente l’ambulatorio medico; lo sportello di mediazione civile dei conflitti; corsi di lingua straniera, di manualità, di grafica e di danze popolari internazionali; biblioteca e ludoteca; attività dal mondo scout e altri laboratori. In più ogni settimana ci saranno iniziative speciali.

La programmazione delle attività era già stata “provata” a dicembre con una settimana pilota. “Una prima esperienza molto positiva – racconta Giuseppe Passalacqua, coordinatore del micro-progetto insieme a Martina Manfredda – Oltre 100 persone si sono presentate nei locali, alcuni con le idee già chiare sui servizi, altre per curiosità”. Particolarmente partecipato è stato il mercatino di auto-finanziamento (che si ripeterà ogni terza domenica del mese), dove sono stati messi all’incanto giochi e dolci. “Parecchie persone sono state attratte dalle bancarelle e il ricavato complessivo è stato di 150 euro” prosegue Passalacqua. La nuova (e vera) sfida del progetto “RiESCo” ora è tutta qui: trovare la forza di sostenersi, anche dal punto di vista economico. Una buona premessa arriva dalla parrocchia di San Francesco della Rizzottaglia, partner storico di SpeDD nei quartieri Sud di Novara: “A nostra insaputa hanno organizzato un mercatino di Natale a nostro sostegno – raccontano gli operatori – Ci hanno consegnato 600 euro. Un gesto che ci fa ben sperare per il futuro del progetto in questo 2016”.

l.pa.


Si completa il percorso di Democrazia Deliberativa attivato nella zona Sud di Novara dalla Onlus Territorio e Cultura. Da lunedì 11 gennaio partiranno ufficialmente le attività nell’ex ambulatorio di piazzale Donatello recuperato grazie all’impegno dei cittadini. “Un risultato che va al di là delle nostre aspettative ad inizio progetto” non nascondono gli operatori di SpeDD.

Lo scorso ottobre, grazie al micro-progetto RiESCo (Riattivare Energie per gli Spazi Comuni, la struttura che per anni aveva ospitato il Consultorio dell’Asl era ritornata agibile. E ora con il nuovo anno partiranno anche le attività, con un calendario davvero fitto. Tra i servizi offerti ci saranno il patronato, gli sportelli casa, stranieri e disabili e i laboratori per bambini. Tutte attività pensate e messe in pratica dagli stessi partecipanti al progetto nell’ottica della costruzione dal basso che ha sempre ispirato il progetto, nato da un percorso di confronto tra i residenti durato oltre un anno con i metodi della democrazia deliberativa. Nello specifico le attività programmate ogni settimana sono queste. Sportello CAAF RED, ISEE, bonus gas e bonus energia è aperto il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12:30 a cura di  Movimento Cristiano Lavoratori. Sportello Casa per assistenza legale, fiscale, locativa e tecnica condomini ogni mercoledì dalle 16 alle 19 a cura di Confabitare. Sportello informativo per cittadini stranieri ogni Giovedì dalle 15 alle 17 a cura di Centro di Solidarietà San Francesco alla Rizzottaglia. Sportello per i residenti delle case popolari con assistenza e mediazione per problematiche relative alle case popolari e ai loro inquilini ogni Giovedì dalle 17 alle 19 a cura di Associazione “Cittadini del Quartiere Sud”. Sportello disabilità con assistenza amministrativa per persone con disabilità ogni Sabato dalle 10 alle 12 a cura di Volontari Esperti. Sportello di Ascolto per genitori, adolescenti e bambini ogni primo e terzo martedì (9:30 - 11)  e mercoledì (14:30 - 16) del mese e ogni secondo e quarto venerdì (9:30 - 11:00 e 16:30 - 18) del mese a cura di Gruppo DiversaMente. Saranno inoltre attivati successivamente l’ambulatorio medico; lo sportello di mediazione civile dei conflitti; corsi di lingua straniera, di manualità, di grafica e di danze popolari internazionali; biblioteca e ludoteca; attività dal mondo scout e altri laboratori. In più ogni settimana ci saranno iniziative speciali.

La programmazione delle attività era già stata “provata” a dicembre con una settimana pilota. “Una prima esperienza molto positiva – racconta Giuseppe Passalacqua, coordinatore del micro-progetto insieme a Martina Manfredda – Oltre 100 persone si sono presentate nei locali, alcuni con le idee già chiare sui servizi, altre per curiosità”. Particolarmente partecipato è stato il mercatino di auto-finanziamento (che si ripeterà ogni terza domenica del mese), dove sono stati messi all’incanto giochi e dolci. “Parecchie persone sono state attratte dalle bancarelle e il ricavato complessivo è stato di 150 euro” prosegue Passalacqua. La nuova (e vera) sfida del progetto “RiESCo” ora è tutta qui: trovare la forza di sostenersi, anche dal punto di vista economico. Una buona premessa arriva dalla parrocchia di San Francesco della Rizzottaglia, partner storico di SpeDD nei quartieri Sud di Novara: “A nostra insaputa hanno organizzato un mercatino di Natale a nostro sostegno – raccontano gli operatori – Ci hanno consegnato 600 euro. Un gesto che ci fa ben sperare per il futuro del progetto in questo 2016”.

l.pa.