Si può votare fino al 15 dicembre

Luoghi del Cuore Fai: tra le segnalazioni anche il Lago d’Orta

Ecosistema danneggiato dagli sversamenti

Luoghi del Cuore Fai: tra le segnalazioni anche il Lago d’Orta
Borgomanero, 24 Luglio 2020 ore 10:14

Luoghi del Cuore Fai: tra le segnalazioni anche il Lago d’Orta. Si può votare fino al 15 dicembre 2020.

Luoghi del Cuore Fai

A oggi il luogo in Piemonte al primo posto della classifica provvisoria (classifica provvisoria completa su www.iluoghidelcuore.it) è la Ferrovia delle Meraviglie Cuneo-Ventimiglia-Nizza, una straordinaria opera dell’ingegno umano che sfida i limiti fisici – in meno di 50 km in linea d’aria supera un dislivello di mille metri – per creare un ardito collegamento tra territori e nazioni, pensata e realizzata quasi due secoli fa per unire l’Italia alla Francia, il Piemonte alla Liguria, i monti al mare, la pianura alla costa.

Il Lago d’Orta

Numerosi voti stanno giungendo anche quest’anno per il Lago d’Orta e il suo ecosistema, bacino di grande bellezza incastonato tra le Prealpi, a cavallo tra la provincia di Novara e quella del Verbano-Cusio-Ossola, ma altresì noto per il grave avvelenamento che subì nel 1926. Gli scarichi di rame e solfato d’ammonio dell’industria tessile Bemberg, che produceva rayon, lo resero invivibile per la maggior parte degli organismi presenti. L’equilibrio ambientale è stato a oggi solo in parte ripristinato dall’intervento di liming, l’abbattimento di acidità e metalli con carbonato di calcio che ha avuto luogo alla fine degli anni Ottanta. A seguito del risultato ottenuto al censimento 2018, FAI e Intesa Sanpaolo hanno scelto di finanziare un progetto innovativo messo a punto dal CNR ISE, che permetterà di risanare i sedimenti di una parte del litorale mediante l’utilizzo di cozze di acqua dolce, che avranno anche la funzione di biosentinelle. L’intervento, pronto a partire, è slittato alla primavera 2021 a causa dell’emergenza Covid-19.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità