Menu
Cerca

Macchinario trattarifiuti, condannati Princiotta e gli imprenditori

Macchinario trattarifiuti, condannati Princiotta e gli imprenditori
Cronaca 09 Luglio 2015 ore 20:32

NOVARA 9 luglio Tre anni per Antonino Princiotta (come richiesto dal pm) per corruzione, tre anni e 6 mesi (accusati non solo di corruzione bensì anche di truffa) per gli imprenditori Carlo Giomini e Francesco Cirrincione (il pm ne aveva chiesti 4): queste le condanne stabilite mercoledì dal Tribunale di Milano al termine del processo per il macchinario trattarifiuti della Markab, secondo la Procura indebitamente certificato dal segretario/direttore (ora sospeso) di Palazzo Natta quando si occupava anche del Settore Ambiente. Per tutti il Tribunale ha stabilito anche l’interdizione: per 5 anni dai pubblici uffici per Princiotta, per 5 anni dalla possibilità di contrarre con la Pubblica Amministrazione per i due imprenditori; condannata anche per illecito amministrativo la stessa Markab. Verrà risarcita la parte civile Futurimpresa (che aveva concesso un finanziamento pubblico agli imprenditori), mentre resta a bocca asciutta la Provincia, costituitasi con l’avvocato Edoardo Pozzi.

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di sabato 11 luglio

NOVARA 9 luglio Tre anni per Antonino Princiotta (come richiesto dal pm) per corruzione, tre anni e 6 mesi (accusati non solo di corruzione bensì anche di truffa) per gli imprenditori Carlo Giomini e Francesco Cirrincione (il pm ne aveva chiesti 4): queste le condanne stabilite mercoledì dal Tribunale di Milano al termine del processo per il macchinario trattarifiuti della Markab, secondo la Procura indebitamente certificato dal segretario/direttore (ora sospeso) di Palazzo Natta quando si occupava anche del Settore Ambiente. Per tutti il Tribunale ha stabilito anche l’interdizione: per 5 anni dai pubblici uffici per Princiotta, per 5 anni dalla possibilità di contrarre con la Pubblica Amministrazione per i due imprenditori; condannata anche per illecito amministrativo la stessa Markab. Verrà risarcita la parte civile Futurimpresa (che aveva concesso un finanziamento pubblico agli imprenditori), mentre resta a bocca asciutta la Provincia, costituitasi con l’avvocato Edoardo Pozzi.

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di sabato 11 luglio

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli