Cronaca

Madre e figlio, badanti di due anziani, arrestati per maltrattamenti

Madre e figlio, badanti di due anziani, arrestati per maltrattamenti
Cronaca 12 Marzo 2016 ore 13:58

CALTIGNAGA – Si è concluso con l’arresto di due persone l’incubo vissuto per tanti anni da Loredana e Franco, due anziani novaresi che si erano affidati alle cure di persone rivelatisi poi, come riferisce l’Arma, “spietati carcerieri”.
Franco e Loredana sono in cura per diverse malattie. Hanno bisogno di attenzioni costanti. Qualche anno fa, nel 2009, Loredana e Franco vengono presi in cura da Stefania Arena di Oleggio e dal figlio Antonio, classe 1985, che per assisterli meglio, spiegano i carabinieri, “propongono loro di prendere in comune un appartamento in affitto. Non vogliono però che questa convivenza si scopra e allora occupano abusivamente una abitazione a Caltignaga, stipulando un falso contratto di affitto e vari altri contratti intestati a terze persone per la fornitura di energia elettrica e gas”. I due badanti all’inizio si dimostrano amorevoli e premurosi e così sembrano agli occhi di tutti. “Poco per volta però – continua la nota dei carabinieri – le cose cambiano. I due mutano atteggiamento, inducono e poi costringono i due anziani ad aprire conti correnti bancari su cui fanno accreditare le pensioni. Trattengono però i bancomat e privano i due coniugi della disponibilità dei loro soldi”. Pian piano, a quanto risulta, pare arrivino anche le botte e i due anziani si vedono sempre meno in paese e nelle rare occasioni in cui era permesso loro di fare una passeggiata in centro , la gente nota il loro aspetto frustrato, trasandato, sporco. Viene segnalata la situazione e i militari di Cameri iniziano le indagini. Le informazioni portano i militari a segnalare il problema al comune di Caltignaga. I due badanti hanno precedenti penali che devono essere approfonditi. Emerge una situazione grave di degrado in cui i due anziani sono tenuti, mentre madre e figlio “si godono le due pensioni”. Il 9 dicembre scatta il blitz congiunto tra Carabinieri, servizi socio assistenziali di Caltignaga e A.S.L. Novara. Franco e Loredana vengono prelevati dalla loro prigione e portati dapprima in caserma, poi al Pronto Soccorso di Novara e infine affidati a una casa di riposo della provincia. Affidati a giuste cure Franco e Loredana si riprendono un poco. I Carabinieri intanto procedono nelle indagini, si scopre che a fronte di risorse economiche cospicue derivanti dalle pensioni, i due anziani non avevano mai percepito alcun vantaggio. Tutti i soldi erano sempre prelevati -e spesi- dai due badanti. Il 4 marzo i due vengono arrestati e portati in carcere. Un incubo durato 5 anni si è concluso
mo.c.

CALTIGNAGA – Si è concluso con l’arresto di due persone l’incubo vissuto per tanti anni da Loredana e Franco, due anziani novaresi che si erano affidati alle cure di persone rivelatisi poi, come riferisce l’Arma, “spietati carcerieri”.
Franco e Loredana sono in cura per diverse malattie. Hanno bisogno di attenzioni costanti. Qualche anno fa, nel 2009, Loredana e Franco vengono presi in cura da Stefania Arena di Oleggio e dal figlio Antonio, classe 1985, che per assisterli meglio, spiegano i carabinieri, “propongono loro di prendere in comune un appartamento in affitto. Non vogliono però che questa convivenza si scopra e allora occupano abusivamente una abitazione a Caltignaga, stipulando un falso contratto di affitto e vari altri contratti intestati a terze persone per la fornitura di energia elettrica e gas”. I due badanti all’inizio si dimostrano amorevoli e premurosi e così sembrano agli occhi di tutti. “Poco per volta però – continua la nota dei carabinieri – le cose cambiano. I due mutano atteggiamento, inducono e poi costringono i due anziani ad aprire conti correnti bancari su cui fanno accreditare le pensioni. Trattengono però i bancomat e privano i due coniugi della disponibilità dei loro soldi”. Pian piano, a quanto risulta, pare arrivino anche le botte e i due anziani si vedono sempre meno in paese e nelle rare occasioni in cui era permesso loro di fare una passeggiata in centro , la gente nota il loro aspetto frustrato, trasandato, sporco. Viene segnalata la situazione e i militari di Cameri iniziano le indagini. Le informazioni portano i militari a segnalare il problema al comune di Caltignaga. I due badanti hanno precedenti penali che devono essere approfonditi. Emerge una situazione grave di degrado in cui i due anziani sono tenuti, mentre madre e figlio “si godono le due pensioni”. Il 9 dicembre scatta il blitz congiunto tra Carabinieri, servizi socio assistenziali di Caltignaga e A.S.L. Novara. Franco e Loredana vengono prelevati dalla loro prigione e portati dapprima in caserma, poi al Pronto Soccorso di Novara e infine affidati a una casa di riposo della provincia. Affidati a giuste cure Franco e Loredana si riprendono un poco. I Carabinieri intanto procedono nelle indagini, si scopre che a fronte di risorse economiche cospicue derivanti dalle pensioni, i due anziani non avevano mai percepito alcun vantaggio. Tutti i soldi erano sempre prelevati -e spesi- dai due badanti. Il 4 marzo i due vengono arrestati e portati in carcere. Un incubo durato 5 anni si è concluso
mo.c.

Seguici sui nostri canali