56 anni

Maresciallo muore in spiaggia dopo un diverbio con alcuni bagnanti

Il drammatico racconto del fratello.

Maresciallo muore in spiaggia dopo un diverbio con alcuni bagnanti
Cronaca 20 Agosto 2021 ore 12:29

Maresciallo muore in spiaggia dopo un diverbio con alcuni bagnanti. Il sottoufficiale era in vacanza, aveva solo 56 anni. Il drammatico racconto del fratello.

Maresciallo muore in spiaggia dopo un diverbio con alcuni bagnanti

Improvviso malore in spiaggia, il maresciallo Antonio Carbone, 56 anni, della stazione di Ciriè muore in vacanza nella sua Calabria. Lo riporta Prima il Canavese. Se n’è andato lunedì colto da un malore in spiaggia a Paola, in provincia di Cosenza.

Il drammatico racconto del fratello

E’ il fratello Vincenzo a raccontare quello che è successo in spiaggia. Il maresciallo Carbone avrebbe avuto un diverbio con alcuni bagnanti che avevano gettato in acqua il mozzicone di una sigaretta. Il maresciallo li avrebbe redarguiti e loro di tutta risposta lo avrebbero aggredito verbalmente minacciandolo persino di morte, «voleva solo difendere il mare di Paola dalla ignoranza violenta e barbara di un clan di bagnanti» scrive il fratello.

“Alla fine di un violentissimo assalto verbale da parte del clan, a cui lui non ha potuto opporre alcuna resistenza, il suo cuore non ha retto. Soccorso immediatamente da altri turisti, quando sono arrivato ho potuto solo assistere alla incredulità e allo sconforto di chi c’era. Morto sulla spiaggia. Si è trattato di un piccolo gesto, ma nei fatti rivoluzionario, chiedere a un gruppetto di calabresi di non distruggere la bellezza della Calabria”.