Processo a Vercelli

Mario D’Uonno nega lo stalking: “Volevo solo spiegazioni”. Poi ha dato fuoco a Simona

La donna viveva una situazione di stress altissimo

Mario D’Uonno nega lo stalking: “Volevo solo spiegazioni”. Poi ha dato fuoco a Simona
Arona, 24 Settembre 2019 ore 12:23

Mario D’uonno nega lo stalking: “Volevo solo spiegazioni”. L’uomo è a processo a Vercelli con l’accusa di stalking nei confronti di Simona Rocca, la donna a cui ha dato fuoco successivamente fuori dal posto di lavoro.

Mario D’Uonno a processo per stalking

Mario D’Uonno ancora in tribunale a Vercelli, come raccontano i colleghi di notiziaoggivercelli.it.

La nuova udienza per il 50enne si è svolta lunedì 23 settembre 2019, ed è legata agli episodi di stalking che gli sono imputati prima dell’aggressione col fuoco alla sua vittima, Simona Rocca. È considerata fondamentale in queste circostanza la testimonianza di un’amica di Simona.

La donna viveva una situazione di stress altissimo, tanto che  spesso chiedeva di essere accompagnata a casa o seguita, perché la presenza del D’Uonno era assillante.

Il processo si era aperto lo scorso giugno dopo il tentato omicidio di Simona da parte dell’imputato (LEGGI QUI LA CRONACA DEL TERRIBILE EPISODIO), di cui però D’Uonno risponderà in un altro procedimento.

L’udienza di ieri

Durante l’udienza Mario D’Uonno ha negato le accuse per stalking, ribadendo anche in una dichiarazione spontanea, che non la seguiva affatto e che l’aveva cercata solo per avere delle spiegazioni; inoltre dopo la denuncia non le aveva più telefonato e si era anche allontanato a Vercelli.

A novembre ci sarà la prossima udienza del processo per tentato omicidio.

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve