Migranti, non ci sono più posti: si punta su tendopoli e caserme

Migranti, non ci sono più posti: si punta su tendopoli e caserme
Cronaca 04 Luglio 2015 ore 03:47

NOVARA - Al collasso. Un numero per rendere l’idea, ma un numero in continua evoluzione: a giovedì la Prefettura novarese gestiva 460 “asilanti”. E da Roma preannunciano altri arrivi di migranti in Piemonte, dopo i 1.300 dell’altra settimana. Ormai si sfiora quota 4mila. Come noto la Regione sta cercando di mettere in piedi una sorta di secondo centro di prima accoglienza, ovvero di smistamento (hub) - dopo quello di Settimo Torinese - da ubicare nel Piemonte orientale. Servono strutture, ma subito, cioè in grado di diventare operative nel giro di massimo qualche settimana. E riecco spuntare le caserme, che di certo (anche a Novara) non mancano.

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di sabato 4 luglio

NOVARA - Al collasso. Un numero per rendere l’idea, ma un numero in continua evoluzione: a giovedì la Prefettura novarese gestiva 460 “asilanti”. E da Roma preannunciano altri arrivi di migranti in Piemonte, dopo i 1.300 dell’altra settimana. Ormai si sfiora quota 4mila. Come noto la Regione sta cercando di mettere in piedi una sorta di secondo centro di prima accoglienza, ovvero di smistamento (hub) - dopo quello di Settimo Torinese - da ubicare nel Piemonte orientale. Servono strutture, ma subito, cioè in grado di diventare operative nel giro di massimo qualche settimana. E riecco spuntare le caserme, che di certo (anche a Novara) non mancano.

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di sabato 4 luglio