Mortale a S. Agabio: la vittima è Avelino Siviero, 88 anni

Mortale a S. Agabio: la vittima è Avelino Siviero, 88 anni
Cronaca 22 Aprile 2015 ore 22:40

NOVARA - Incidente mortale, oggi verso le 16, all’incrocio tra corso Trieste e via Wild, a Sant’Agabio, già teatro di diversi sinistri (un altro mortale si era verificato all’incirca nello stesso punto non più di un paio di anni fa).

Per cause in fase di ricostruzione da parte della Polizia stradale, un mezzo d’opera proveniente da Pernate, nel girare a destra verso via Wild, ha urtato un ciclista di 88 anni, che viceversa stava proseguendo dritto lungo corso Trieste. A perdere la vita Avelino Siviero, pensionato che abitava in strada Bellazzi 7, traversa di corso Milano, sempre a Sant’Agabio. L’anziano è morto sul colpo. A nulla è valso l’intervento dell’ambulanza del 118, il cui personale medico non ha potuto far altro che constatare il decesso. Il pensionato lascia due figli, Gian Mario, geometra, e Maria Rosa. Sul posto, oltre al 118, una squadra dei Vigili del fuoco, Polstrada e Polizia locale.

mo.c.


NOVARA - Incidente mortale, oggi verso le 16, all’incrocio tra corso Trieste e via Wild, a Sant’Agabio, già teatro di diversi sinistri (un altro mortale si era verificato all’incirca nello stesso punto non più di un paio di anni fa).

Per cause in fase di ricostruzione da parte della Polizia stradale, un mezzo d’opera proveniente da Pernate, nel girare a destra verso via Wild, ha urtato un ciclista di 88 anni, che viceversa stava proseguendo dritto lungo corso Trieste. A perdere la vita Avelino Siviero, pensionato che abitava in strada Bellazzi 7, traversa di corso Milano, sempre a Sant’Agabio. L’anziano è morto sul colpo. A nulla è valso l’intervento dell’ambulanza del 118, il cui personale medico non ha potuto far altro che constatare il decesso. Il pensionato lascia due figli, Gian Mario, geometra, e Maria Rosa. Sul posto, oltre al 118, una squadra dei Vigili del fuoco, Polstrada e Polizia locale.

>>> VEDI LA FOTOGALLERY

mo.c.
foto martignoni 

Per saperne di più, leggi l’articolo sul Corriere di Novara in edicola giovedì 23 aprile