Non ce l’ha fatta il 43enne rimasto ustionato, cucinando alcuni arancini

Non ce l’ha fatta il 43enne rimasto ustionato, cucinando alcuni arancini
Cronaca 14 Aprile 2016 ore 08:48

NOVARA - Non ce l’ha fatta Nunzio Di Bartolo, il 43enne che nel tardo pomeriggio del 24 marzo, mentre stava cucinando alcuni arancini per cena, è rimasto vittima di un grave incidente domestico, rimanendo avvolto dalle fiamme e riportando ustioni piuttosto serie. In particolare alle mani, al torace e al viso.

L’incidente era successo nell’alloggio in cui viveva con la moglie e il figlio di 6 anni, al piano rialzato di una palazzina di via Pola 8. L’uomo, immediatamente soccorso e portato in ospedale a Novara, nella stessa serata, a causa della gravità delle ustioni, era stato trasferito al Cto di Torino, al Centro grandi ustionati.

Proprio qui, ieri mattina, purtroppo, è sopraggiunto il decesso. Sembrerebbe a causa di un’infezione ai reni, intervenuta a seguito della situazione in cui versava dopo l’incidente. Ancora non è stata fissata la data dei funerali. Sul corpo del 45enne sarà eseguita, comunque, l’autopsia. Sul posto, quel giorno, erano intervenuti i Vigili del fuoco e i Carabinieri.

mo.c.

 

Per saperne di più leggi l’articolo completo sul Corriere di Novara in edicola


NOVARA - Non ce l’ha fatta Nunzio Di Bartolo, il 43enne che nel tardo pomeriggio del 24 marzo, mentre stava cucinando alcuni arancini per cena, è rimasto vittima di un grave incidente domestico, rimanendo avvolto dalle fiamme e riportando ustioni piuttosto serie. In particolare alle mani, al torace e al viso.

L’incidente era successo nell’alloggio in cui viveva con la moglie e il figlio di 6 anni, al piano rialzato di una palazzina di via Pola 8. L’uomo, immediatamente soccorso e portato in ospedale a Novara, nella stessa serata, a causa della gravità delle ustioni, era stato trasferito al Cto di Torino, al Centro grandi ustionati.

Proprio qui, ieri mattina, purtroppo, è sopraggiunto il decesso. Sembrerebbe a causa di un’infezione ai reni, intervenuta a seguito della situazione in cui versava dopo l’incidente. Ancora non è stata fissata la data dei funerali. Sul corpo del 45enne sarà eseguita, comunque, l’autopsia. Sul posto, quel giorno, erano intervenuti i Vigili del fuoco e i Carabinieri.

mo.c.

 

Per saperne di più leggi l’articolo completo sul Corriere di Novara in edicola