Operazione dei carabinieri

Novara vendita illecita di avorio: sequestrati 70 oggetti

Il loro valore stimato è di circa 11.000 €

Novara vendita illecita di avorio: sequestrati 70 oggetti
Cronaca Novara, 09 Dicembre 2020 ore 14:13

Nell’ambito della campagna “Golden tusks”, avviata nell’anno in corso e finalizzata al contrasto del commercio illecito di parti e prodotti derivati in avorio, i Nuclei Carabinieri C.I.T.E.S. del Piemonte hanno eseguito, negli ultimi mesi, numerosi controlli su vendite on line, antiquari e case d’asta in tutte le province della Regione, riscontrando numerose irregolarità. Le operazioni dei Carabinieri Forestali, per il tramite dei loro Nuclei CITES, hanno permesso di denunciare all’autorità giudiziaria, su tutto il territorio piemontese, 27 persone e di sequestrare, ai fini della confisca, un totale di n. 258 oggetti in avorio, tra statuette e zanne, ed oggettistica varia per un valore stimato di oltre 150.000 Euro.

A Novara

Nell’ambito di tali controlli, a Novara, il Distaccamento CITES di Caselle Torinese, il giorno 1 dicembre scorso, è intervenuto presso un negozio di antiquariato, rinvenendo 70 pezzi di avorio.
Ad una verifica più approfondita, è emerso che tali prodotti venivano commercializzati in assenza di documentazione CITES idonea a legittimarne la vendita. Il loro valore stimato è di circa 11.000 €.
Tutti i manufatti sono stati sottoposti a sequestro ed il titolare del negozio è stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Novara per il reato di commercio illegale di esemplari tutelati dalla Convenzione di Washington. In caso di condanna, tutto il materiale sequestrato sarà destinato a confisca. Il sequestro è stato convalidato nei giorni scorsi dalla Procura della Repubblica di Novara.

I controlli

Negli ultimi anni, a livello europeo, c’è stata una forte intensificazione dei controlli per contrastare il commercio di parti (soprattutto avorio) di elefante africano. La specie è tra quelle sottoposte a massima tutela dalla Convenzione di Washington. Essa, infatti, è a grave rischio di estinzione e, le sue popolazioni, sono in forte declino numerico in quasi tutto l’areale. Ciò sta accadendo in conseguenza dell’uccisione di migliaia di esemplari a causa del bracconaggio,
finalizzato al prelievo illegale delle zanne.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità