Omicidio di via Juvarra: revoca della custodia in carcere per Andrea Corallo

Omicidio di via Juvarra: revoca della custodia in carcere per Andrea Corallo
Cronaca 11 Maggio 2015 ore 18:44

NOVARA – Revoca della custodia cautelare in carcere per Andrea Corallo, il 27enne fermato per il delitto di Davide Gabasio, muratore di 47 anni e ‘patrigno’ del giovane, omicidio avvenuto sabato 14 marzo in un appartamento all’ottavo piano di uno stabile di via Juvarra 5.

Il gip Angela Fasano ha deciso per la revoca della custodia in carcere e per l’applicazione, invece, dell’obbligo di presentazione giornaliera alla Questura. Una decisione assunta a seguito di alcune novità derivanti dal deposito delle perizie condotte sul luogo del delitto e soprattutto dalla riqualificazione del reato contestato al giovane.
Il pm titolare dell’inchiesta, Nicola Serianni, ha, infatti, derubricato il reato contestato al giovane in omicidio preterintenzionale. Inizialmente l’accusa che gli veniva contestata era quella di omicidio volontario aggravato dai futili motivi.

Monica Curino

NOVARA – Revoca della custodia cautelare in carcere per Andrea Corallo, il 27enne fermato per il delitto di Davide Gabasio, muratore di 47 anni e ‘patrigno’ del giovane, omicidio avvenuto sabato 14 marzo in un appartamento all’ottavo piano di uno stabile di via Juvarra 5.

Il gip Angela Fasano ha deciso per la revoca della custodia in carcere e per l’applicazione, invece, dell’obbligo di presentazione giornaliera alla Questura. Una decisione assunta a seguito di alcune novità derivanti dal deposito delle perizie condotte sul luogo del delitto e soprattutto dalla riqualificazione del reato contestato al giovane.
Il pm titolare dell’inchiesta, Nicola Serianni, ha, infatti, derubricato il reato contestato al giovane in omicidio preterintenzionale. Inizialmente l’accusa che gli veniva contestata era quella di omicidio volontario aggravato dai futili motivi.

Monica Curino