Ore decisive per il giovane novarese grave dopo un tuffo in Sardegna

Ore decisive per il giovane novarese grave dopo un tuffo in Sardegna
Cronaca 10 Agosto 2015 ore 08:36

Sono ore decisive per la sorte di F.A.: non è stato necessario alcun intervento chirurgico come viceversa prospettato sul momento, le sue condizioni sembrano migliorare, ma è ancora in Rianimazione e la prognosi, come dice il nonno, dovrebbe venire sciolta solo domani, martedì, quando si terrà un consulto medico. La notizia che ha scosso la città l’ha battuta l’Ansa alle 14.22 di sabato: “Rischia di rimanere paralizzato un ragazzo piemontese di 18 anni in vacanza in Sardegna, ricoverato in prognosi riservato all'ospedale di Sassari dopo un pericoloso tuffo nella spiaggia di Liscia Ruja, in Costa Smeralda. Ieri (venerdì, ndr) verso le 20 ha battuto la testa dopo il tuffo in mare. Le sue condizioni sono sembrate subito gravi: gli operatori del 118 lo hanno trasportato all'ospedale di Olbia con una sospetta lesione alla colonna vertebrale, per poi trasferirlo a Sassari”. Il giovane pare stia meglio. Tutti aspettano ora la conferma che sia davvero fuori pericolo, e che sia definitivamente scongiurato il rischio paralisi.

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di lunedì 10 agosto

Sono ore decisive per la sorte di F.A.: non è stato necessario alcun intervento chirurgico come viceversa prospettato sul momento, le sue condizioni sembrano migliorare, ma è ancora in Rianimazione e la prognosi, come dice il nonno, dovrebbe venire sciolta solo domani, martedì, quando si terrà un consulto medico. La notizia che ha scosso la città l’ha battuta l’Ansa alle 14.22 di sabato: “Rischia di rimanere paralizzato un ragazzo piemontese di 18 anni in vacanza in Sardegna, ricoverato in prognosi riservato all'ospedale di Sassari dopo un pericoloso tuffo nella spiaggia di Liscia Ruja, in Costa Smeralda. Ieri (venerdì, ndr) verso le 20 ha battuto la testa dopo il tuffo in mare. Le sue condizioni sono sembrate subito gravi: gli operatori del 118 lo hanno trasportato all'ospedale di Olbia con una sospetta lesione alla colonna vertebrale, per poi trasferirlo a Sassari”. Il giovane pare stia meglio. Tutti aspettano ora la conferma che sia davvero fuori pericolo, e che sia definitivamente scongiurato il rischio paralisi.

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di lunedì 10 agosto