Menu
Cerca
Stretta alle prestazioni

Ospedali Piemonte: stop a visite ed esami non urgenti

Vale anche per i ricoveri. Questo quanto emerge dall’incontro con i direttori generalì e il Dipartimento di malattie infettivie.

Ospedali Piemonte: stop a visite ed esami non urgenti
Cronaca 07 Marzo 2021 ore 06:23

La sanità piemontese, colpita da un aumento esponenziale dei contagi, torna a chiudere gli ospedali perché visite ed esami non urgenti.
Lo riportano i colleghi di primabiella.it 

La decisione

Dopo un incontro via web con i direttori generali, il Dirmei, il Dipartimento di malattie infettivie, ha inviato una circolare in cui si comunica che è necessario procedere alla rimodulazione e conversione dei blocchi operatori e reparti di degenza chirurgici e ripensare le attività ambulatoriali.

Le prestazioni

Restano solo le attività contrassegnate con la U di Urgente (da eseguire entro 72 ore) e B di breve (entro 10 giorni al massimo).

Le attività procrastinabili, invece, quelle contrassegnate dalla lettera D (differibile da eseguire entro 60 giorni per gli accertamenti diagnostici)  e P (programmata da eseguire entro 90/120 giorni) devono invece essere sospese. E così i ricoveri: Sì a quelli in regime di urgenza, gli oncologici e quelli con priorità alta, mentre lista d’attesa per gli altri.

La raccomandazione

Nel documento diffuso dal Dirmei in un documento che porta la firma di Sergio Livigni, oltre all’attenzione per i percorsi della nascite e per i pazienti nefropatici (con problemi ai reni), l’invito ai direttori a mantenere il più possibile a casa i pazienti con le cure a domicilio.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli