“Panama papers”, spuntano i primi nomi nostrani

“Panama papers”, spuntano i primi nomi nostrani
Cronaca 16 Aprile 2016 ore 08:38

NOVARA - Spuntano anche nomi noti a livello locale nell’ambito del caso “Panama papers”, ovvero società e conti nei paradisi fiscali di mezzo mondo costituiti tramite l’ormai famoso studio “Mossack-Fonseca”, ora al centro dell’inchiesta planetaria nata da una fonte anonima che ha fornito a un pool di giornalisti oltre 11 milioni di files di materiale finanziario, appartenenti appunto al “Mossack- Fonseca” di Panama, studio con 500 dipendenti e 30 sedi in mezzo mondo, perlopiù nei paradisi fiscali. Tale documentazione chiama in causa migliaia di soggetti residenti in 200 Stati diversi. Venerdì scorso la pubblicazione, su “L’Espresso”, dei nomi dei primi 100 italiani, ieri un secondo elenco con altri 100 nomi. Fra i quali quello dell’imprenditore verbanese Alberto Zacchera. Che, da noi interpellato, cade dalle nuvole: "Non ne so nulla, mai avuto conti o società all’estero".  

 

p.v.

 

leggi il servizio sul Corriere di Novara di sabato 16 aprile

NOVARA - Spuntano anche nomi noti a livello locale nell’ambito del caso “Panama papers”, ovvero società e conti nei paradisi fiscali di mezzo mondo costituiti tramite l’ormai famoso studio “Mossack-Fonseca”, ora al centro dell’inchiesta planetaria nata da una fonte anonima che ha fornito a un pool di giornalisti oltre 11 milioni di files di materiale finanziario, appartenenti appunto al “Mossack- Fonseca” di Panama, studio con 500 dipendenti e 30 sedi in mezzo mondo, perlopiù nei paradisi fiscali. Tale documentazione chiama in causa migliaia di soggetti residenti in 200 Stati diversi. Venerdì scorso la pubblicazione, su “L’Espresso”, dei nomi dei primi 100 italiani, ieri un secondo elenco con altri 100 nomi. Fra i quali quello dell’imprenditore verbanese Alberto Zacchera. Che, da noi interpellato, cade dalle nuvole: "Non ne so nulla, mai avuto conti o società all’estero".  

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di sabato 16 aprile