Solidarietà

Pasti a domicilio ad Arona e Borgomanero con la Rete Nondisolopane

Intanto l'associazione cerca forze fresche per aiutare più persone possibile

Pasti a domicilio ad Arona e Borgomanero con la Rete Nondisolopane
Arona, 11 Maggio 2020 ore 09:33

Pasti a domicilio al centro del nuovo progetto curato dai volontari della Rete Nondisolopane ad Arona e Borgomanero.

Pasti a domicilio nel progetto finanziato da Compagnia di San Paolo

C’è una grossa novità in vista per la Rete Nondisolopane. Con il sostegno di Emergency, Croce rossa, Libera, Coop, Azione Cattolica, le Caritas parrocchiali di Arona e Borgomanero, il Comune e numerose associazioni e privati, è stato avviato un servizio di consegna di pasti a domicilio a favore di una quarantina di persone in stato di necessità ad Arona e a Borgomanero. Un risultato reso possibile grazie al fondo “Insieme andrà tutto bene” di Compagnia di San Paolo. La Rete Nondisolopane, in partnership con Associanimazione e Circolo Wood, ha quindi ripreso l’attività di distribuzione di un pasto caldo dopo uno stop durato poche settimane, in concomitanza con la fase più rigida delle restrizioni previste per il contenimento del Covid-19.

“Così non lasciamo solo nessuno”

“Grazie a questo servizio – scrive il presidente della Rete Nondisolopane Davide Colombo – è possibile mantenere viva la relazione con chi frequentava il Ristorante Solidale al Circolo Wood di Arona e con chi si recava, due volte la settimana, presso gli spazi di Villa Zanetta a Borgomanero, dove i pasti erano veicolati. L’idea di poter distribuire i pasti a domicilio è nata dalla volontà di non voler lasciare sole queste persone, alleggerire la spesa settimanale dedicata ai generi alimentari e monitorare la loro situazione, nonché poter intercettare alcune difficoltà e necessità”.

Ecco come sostenere il progetto

Ogni giorno i pasti vengono preparati nelle cucine del Circolo Wood e distribuiti da due volontari dell’associazione. E proprio nell’ambito di questo servizio si sono avvicinate molte persone che prima di questa crisi non avevano la possibilità di svolgere un servizio di volontariato. Studenti universitari, lavoratori a casa e altre persone interessate al progetto sono state le persone che hanno offerto il proprio contributo alla Rete. Ma la Rete cerca ancora forze fresche. “Si parte a mezzogiorno – prosegue Colombo – due volontari si dirigono a Borgomanero e due rimangono ad Arona. In un’ora e un quarto si riesce a distribuire a tutti il pasto e quindi assicurare il pranzo. Si ringrazia Novacoop di Arona che collabora al progetto mettendo a disposizione un buono in euro per la spesa di materie prime presso il proprio punto vendita e Banco Alimentare per la donazione di generi freschi settimanali”.  Chi volesse dare una mano concreta può scrivere a info@retenondisolopane.it o chiamare il numero 348.5714383. Questo, invece, è l’Iban per chi volesse donare un pasto sospeso a chi ne ha bisogno: con solo 7 euro è possibile offrire un pasto completo: IT07Y0503445130000000000674. Si può seguire la Rete Nondisolopane anche sui canali social Facebook e Instagram dedicati.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità