Cronaca

Paziente morì, il giudice nomina il collegio peritale

Paziente morì, il giudice nomina il collegio peritale
Cronaca 06 Febbraio 2016 ore 09:23

NOVARA -  Caso Fusaro, il gip Claudia Gentili, accogliendo la richiesta del pm Nicola Serianni, ha nominato il collegio peritale che valuterà l’operato dell’equipe di Cardiochirurgia del “Maggiore” di Novara (guidata dal dottor Ezio Micalizzi) e quello del professor Mauro Rinaldi, primario alle “Molinette” di Torino, nelle persone del professor Edoardo Santoli (cardiochirurgo all'Ospedale Sacco di Milano) e della dottoressa Anna Tanzini (medico legale a Milano). La formale assunzione dell'incarico avverrà davanti allo stesso gip il 15 febbraio 2015. La famiglia di Fusaro, «pur confidando che il collegio peritale svolgerà l'incarico con scrupolo indagatorio e con imparzialità al solo fine di fare conoscere la verità al Tribunale», come spiega l’avvocato Mario Murano, che la assiste, procederà a nominare un proprio collegio di consulenti di parte «di altissimo profilo accademico e chirurgico». L’augurio, a questo punto, è che dal trust di autorità mediche possa uscire la verità: perchè il 43enne Antonio Fusaro morì? I medici hanno fatto il possibile o qualcuno ha sbagliato?

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di sabato 6 febbraio

NOVARA -  Caso Fusaro, il gip Claudia Gentili, accogliendo la richiesta del pm Nicola Serianni, ha nominato il collegio peritale che valuterà l’operato dell’equipe di Cardiochirurgia del “Maggiore” di Novara (guidata dal dottor Ezio Micalizzi) e quello del professor Mauro Rinaldi, primario alle “Molinette” di Torino, nelle persone del professor Edoardo Santoli (cardiochirurgo all'Ospedale Sacco di Milano) e della dottoressa Anna Tanzini (medico legale a Milano). La formale assunzione dell'incarico avverrà davanti allo stesso gip il 15 febbraio 2015. La famiglia di Fusaro, «pur confidando che il collegio peritale svolgerà l'incarico con scrupolo indagatorio e con imparzialità al solo fine di fare conoscere la verità al Tribunale», come spiega l’avvocato Mario Murano, che la assiste, procederà a nominare un proprio collegio di consulenti di parte «di altissimo profilo accademico e chirurgico». L’augurio, a questo punto, è che dal trust di autorità mediche possa uscire la verità: perchè il 43enne Antonio Fusaro morì? I medici hanno fatto il possibile o qualcuno ha sbagliato?

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di sabato 6 febbraio

Seguici sui nostri canali