Processo d’appello per l’omicidio del trans: udienza aggiornata al 4 febbraio

Processo d’appello per l’omicidio del trans: udienza aggiornata al 4 febbraio
Cronaca 07 Gennaio 2015 ore 21:41

NOVARA – E’ stato aggiornato al prossimo 4 febbraio, questa mattina, mercoledì 7 gennaio, a Torino, il processo d’appello per Paolo Gnemmi, 36 anni, operaio di Fara Novarese, e Rocco Timpano, 37, benzinaio di Ghislarengo (Vercelli), accusati dell’omicidio di Willian Semiao Cock, in arte Bruna o Brunella, il trans ucciso in via del Gazzurlo nella notte tra il 27 e 28 febbraio del 2012.

I due, già condannati all’ergastolo in primo grado con rito abbreviato, a Novara, il 9 maggio del 2013, sono assistiti il novarese dall’avvocato Alessandro Brustia, il vercellese, invece, dagli avvocati Danilo Peretti e Maria Fontana.

NOVARA – E’ stato aggiornato al prossimo 4 febbraio, questa mattina, mercoledì 7 gennaio, a Torino, il processo d’appello per Paolo Gnemmi, 36 anni, operaio di Fara Novarese, e Rocco Timpano, 37, benzinaio di Ghislarengo (Vercelli), accusati dell’omicidio di Willian Semiao Cock, in arte Bruna o Brunella, il trans ucciso in via del Gazzurlo nella notte tra il 27 e 28 febbraio del 2012.

I due, già condannati all’ergastolo in primo grado con rito abbreviato, a Novara, il 9 maggio del 2013, sono assistiti il novarese dall’avvocato Alessandro Brustia, il vercellese, invece, dagli avvocati Danilo Peretti e Maria Fontana.

I difensori puntano all’assoluzione o quantomeno alla cancellazione o riduzione del carcere a vita.

Oggi c’è stata solo la relazione introduttiva e il conferimento dell’incarico al perito, che dovrà valutare l’imputabilità o subordinatamente la seminfermità mentale di Timpano. L’udienza è stata, quindi, aggiornata al 4 febbraio per l’esame della perizia e la requisitoria del procuratore generale.

Il giorno seguente, il 5 febbraio, ci sarà la discussione, l’intervento delle difese dei due imputati e la sentenza.

mo.c.

Per altri dettagli, l’articolo completo sarà sul Corriere di Novara di giovedì 8 gennaio

rese, e~? c ??I ?0- 37, benzinaio di Ghislarengo (Vercelli), accusati dell’omicidio di Willian Semiao Cock, in arte Bruna o Brunella, il trans ucciso in via del Gazzurlo nella notte tra il 27 e 28 febbraio del 2012.

 

I due, già condannati all’ergastolo in primo grado con rito abbreviato, a Novara, il 9 maggio del 2013, sono assistiti il novarese dall’avvocato Alessandro Brustia, il vercellese, invece, dagli avvocati Danilo Peretti e Maria Fontana.

I difensori puntano all’assoluzione o quantomeno alla cancellazione o riduzione del carcere a vita.

Oggi c’è stata solo la relazione introduttiva e il conferimento dell’incarico al perito, che dovrà valutare l’imputabilità o subordinatamente la seminfermità mentale di Timpano. L’udienza è stata, quindi, aggiornata al 4 febbraio per l’esame della perizia e la requisitoria del procuratore generale.

Il giorno seguente, il 5 febbraio, ci sarà la discussione, l’intervento delle difese dei due imputati e la sentenza.

mo.c.