Cronaca
Cuneese

Quaranta ragazzi intossicati in un rifugio alpino nella valle Stura

Intossicazione da monossido o alimentare

Quaranta ragazzi intossicati in un rifugio alpino nella valle Stura
Cronaca 09 Gennaio 2023 ore 14:44

Nella giornata di domenica 8 gennaio 2023, 40 ragazzi sono stati soccorsi in un rifugio alpino in località Bersezio, nel comune di Argentera (Cuneo), a causa di un’intossicazione.

I soccorsi

L’allarme è scattato in una casa vacanze situata tra le montagne della valle Stura di Demonte, nel cuneese. Gli ospiti hanno accusato malesseri vari, principalmente nausea e vomito, ma nessuno sarebbe in gravi condizioni. In totale sono 29 i giovani portati a bordo dei mezzi del 118 all’ospedale S.Croce di Cuneo per le cure e i controlli necessari, gli altri sono stati accompagnati dai genitori. A tutti i pazienti giunti al pronto soccorso è stato attribuito il ‘codice verde’. Sul posto sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco e del personale sanitario che ora sono al lavoro per capire se si tratti di un problema alimentare o di un’intossicazione da monossido di carbonio.

Le prime verifiche dei vigili sarebbero state svolte nei locali della cucina ma la causa dell’intossicazione potrebbe essere da attribuire al monossido di carbonio che ha saturato i locali in una giornata caratterizzata dal maltempo. La “Casa Alpina” di Argentera è attrezzata per soggiorni estivi ed invernali delle famiglie del territorio delle parrocchie appartenenti alla ‘Unità Pastorale Langhe-Carrù’, comprendente Carrù, Piozzo, Clavesana, Bastia, Roccaciglié, Ciglié, Marsaglia ed Igliano.

Seguici sui nostri canali