Menu
Cerca
Cronaca

Razzismo sul bus: studente non ci sta e denuncia pubblicamente

Un giovane testimone dell'episodio ha inviato una lettera a sindaco di Novara e Sun

Razzismo sul bus: studente non ci sta e denuncia pubblicamente
Cronaca Novara, 14 Novembre 2019 ore 18:10

Un’autista avrebbe rivolto un epiteto pesante a una passeggera straniera

Un episodio sgradevole che se confermato non mancherà di suscitare polemiche. Un giovane studente assiste a un comportamento maleducato e con anche un epiteto razzista da parte di un’autista della Sun e decide di segnalarlo a un suo insegnante che lo consiglia di scrivere una lettera da indirizzare al sindaco di Novara alla direzione della società che gestisce i trasporti a Novara e nell’Ovest Ticino. La lettera sarebbe stata sottoscritta da insegnanti e altri studenti per solidarietà. Lo studente, maggiorenne, da noi contattato ha confermato il contenuto della lettera, raccontando cosa sarebbe successo martedì mattina sulla linea 8 Cerano – Lumellogno.  «Mentre viaggiavo su di un bus della linea 8, a Trecate  alle 8,45 è salita in via Novara, una donna, probabilmente di nazionalità nordafricana. La donna si è avvicinata all’autista, anche lei donna, chiedendole di pagare il biglietto con una banconota di grosso taglio. L’autista le ha risposto “sai dove te li puoi mettere?”, iniziando a gridare. La passeggera allora ha risposto che non serviva urlare e che avrebbe cercato i 2,50 euro. Dopo aver frugato nella borsa è riuscita trovare le monete e ha pagato il biglietto. Una volta che la passeggera si è spostata l’autista ha replicato “sta marocchina di m…”. Oltre al un comportamento razzista, vorrei segnalare anche che l’autista guidava usando il cellulare con una mano. Telefonando ad alta voce raccontava l’episodio inveendo. Inoltre non si è nemmeno premurata di fermare il bus ad una fermata dove un anziano aveva fatto segno di voler salire. Tutti i passeggeri sono rimasti in silenzio ma perplessi. La donna è poi scesa davanti la stazione ferroviaria di Novara». Lo studente ha chiesto consiglio a un suo insegnante e ha deciso di scrivere una lettera alle autorità. L’insegnante avrebbe iniziato una raccolta di firme di docenti e studenti per solidarietà all’iniziativa.

m.d.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli