Ricordato Francesco Caldara, ucciso a Tunisi a marzo

Ricordato Francesco Caldara, ucciso a Tunisi a marzo
Cronaca 29 Giugno 2015 ore 15:37

NOVARA - Un momento in ricordo di Francesco Caldara, originario del quartiere Santa Rita, vittima dell’attentato terroristico a Tunisi del 18 marzo scorso ha contraddistinto l’iniziativa “Silenzio!...parla il Parco” svoltasi sabato 27 giugno al Parco di via Oxilia. A rappresentare le autorità il Presidente del Consiglio Comunale Massimo Bosio, che ha ricordato come «le istituzioni devono comprendere i sentimenti delle persone e mostrare una vicinanza concreta, un cittadino deve essere ricordato dalla cittadinanza e un parco può diventare un luogo di una memoria che non si cancella» e ha consegnato alla figlia Greta una targa commemorativa. Alla commemorazione di Francesco Caldara sono seguiti altri appuntamenti di cultura, musica sapori e natura. Un evento nato dalla volontà degli abitanti della zona di interagire con il territorio e creare un senso di comunità a cui hanno partecipato numerosi. Un pomeriggio di festa durato dalle 15 alle 24 e aperto a tutti, con la diretta radiofonica di Sonia Frassei e Alessandro Ge di Radio Azzurra Novara e tanti ospiti, tra cui l’associazione Enpa, presente con uno stand, e i ragazzi della scuola “ Ensemble – ArtEssenziale Danza” Servizi Educativi Comune di Novara di Nadia Gagliardi, che con la loro esibizione hanno dato inizio all’evento. «Si tratta di un’aggregazione spontanea di cittadini – ha detto Leone Luciano, uno dei promotori dell’iniziativa - per creare un rapporto con il territorio e valorizzare il parco, si vuole creare un contatto tra l’uomo e l’ambiente. Il parco era percepito solo come un arredo della città, ora è visto come un luogo dove ognuno può esprimersi, abbiamo raccolto diverse realtà e siamo aperti all’idea di portare la nostra iniziativa anche negli altri quartieri della città»

Tra i protagonisti i bambini della classe 4ªA della scuola primaria Giovanni XXIII, vincitori del concorso “Together for Expo 2015”, che hanno raccontato la loro esperienza. Spazio anche per la poesia, la musica e il teatro, con il concerto del soprano Francesca Sicilia, accompagnata dal pianista Andrea Pompili, e la rappresentazione della compagnia “ Corte fatata di Vignarello.”

Tra gli altri appuntamenti di cultura e musica, le letture da Gramsci di Giorgio Ravizzotti e l’esecuzione di colonne sonore di film celebri dell’Orchestra Sinfonica “Verde Azzurra” di Galliate diretta da Dino Scalabrin, oltre alla degustazione di prodotti tipici novaresi. L’iniziativa si è conclusa con una rappresentazione della “ Corte fatata di Vignarello.”

Benedetta Rosina       

NOVARA - Un momento in ricordo di Francesco Caldara, originario del quartiere Santa Rita, vittima dell’attentato terroristico a Tunisi del 18 marzo scorso ha contraddistinto l’iniziativa “Silenzio!...parla il Parco” svoltasi sabato 27 giugno al Parco di via Oxilia. A rappresentare le autorità il Presidente del Consiglio Comunale Massimo Bosio, che ha ricordato come «le istituzioni devono comprendere i sentimenti delle persone e mostrare una vicinanza concreta, un cittadino deve essere ricordato dalla cittadinanza e un parco può diventare un luogo di una memoria che non si cancella» e ha consegnato alla figlia Greta una targa commemorativa. Alla commemorazione di Francesco Caldara sono seguiti altri appuntamenti di cultura, musica sapori e natura. Un evento nato dalla volontà degli abitanti della zona di interagire con il territorio e creare un senso di comunità a cui hanno partecipato numerosi. Un pomeriggio di festa durato dalle 15 alle 24 e aperto a tutti, con la diretta radiofonica di Sonia Frassei e Alessandro Ge di Radio Azzurra Novara e tanti ospiti, tra cui l’associazione Enpa, presente con uno stand, e i ragazzi della scuola “ Ensemble – ArtEssenziale Danza” Servizi Educativi Comune di Novara di Nadia Gagliardi, che con la loro esibizione hanno dato inizio all’evento. «Si tratta di un’aggregazione spontanea di cittadini – ha detto Leone Luciano, uno dei promotori dell’iniziativa - per creare un rapporto con il territorio e valorizzare il parco, si vuole creare un contatto tra l’uomo e l’ambiente. Il parco era percepito solo come un arredo della città, ora è visto come un luogo dove ognuno può esprimersi, abbiamo raccolto diverse realtà e siamo aperti all’idea di portare la nostra iniziativa anche negli altri quartieri della città»

Tra i protagonisti i bambini della classe 4ªA della scuola primaria Giovanni XXIII, vincitori del concorso “Together for Expo 2015”, che hanno raccontato la loro esperienza. Spazio anche per la poesia, la musica e il teatro, con il concerto del soprano Francesca Sicilia, accompagnata dal pianista Andrea Pompili, e la rappresentazione della compagnia “ Corte fatata di Vignarello.”

Tra gli altri appuntamenti di cultura e musica, le letture da Gramsci di Giorgio Ravizzotti e l’esecuzione di colonne sonore di film celebri dell’Orchestra Sinfonica “Verde Azzurra” di Galliate diretta da Dino Scalabrin, oltre alla degustazione di prodotti tipici novaresi. L’iniziativa si è conclusa con una rappresentazione della “ Corte fatata di Vignarello.”

Benedetta Rosina