Cronaca

Rocca Borromea, prorogato il comodato al Comune di Arona

Rocca Borromea, prorogato il comodato al Comune di Arona
Cronaca 13 Novembre 2016 ore 18:45

ARONA -  Prorogato il comodato gratuito al Comune di Arona della Rocca. L’accordo tra l’Amministrazione comunale e la famiglia Borromeo è stato concordemente prolungato di ulteriori sei anni e quindi scadrà il 18 maggio 2023. Lo annuncia su Facebook il sindaco Alberto Gusmeroli, che ringrazia «di cuore la famiglia Borromeo con cui in questi sei anni, prima con il compianto principe Giberto, per me un vero gentiluomo, e ora con il bravissimo conte Vitaliano, ho avuto un rapporto proficuo e di stima reciproca, a favore della città di Arona, che ha permesso la presente estensione del contratto senza alcuna contropartita. L’aumento della durata si è reso necessario su richiesta della Fondazione Cariplo per poter erogare il contributo a fondo perduto di 79.000 euro che permetterà la ristrutturazione della bellissima Torre Mozza, che la farà tornare come all’origine e che al termine dei lavori sarà una balconata stupenda, a sbalzo sui tetti della città di Arona, accessibile a tutti. L’interno della Torre è stato già assegnato in uso ai gestori della Rocca, la famiglia Liberati, e potrà da loro essere liberamente utilizzato per eventi o altre iniziative utili al sito e alla loro attività. Il Bando di gara è in corso di pubblicazione». 
l.c. 

ARONA -  Prorogato il comodato gratuito al Comune di Arona della Rocca. L’accordo tra l’Amministrazione comunale e la famiglia Borromeo è stato concordemente prolungato di ulteriori sei anni e quindi scadrà il 18 maggio 2023. Lo annuncia su Facebook il sindaco Alberto Gusmeroli, che ringrazia «di cuore la famiglia Borromeo con cui in questi sei anni, prima con il compianto principe Giberto, per me un vero gentiluomo, e ora con il bravissimo conte Vitaliano, ho avuto un rapporto proficuo e di stima reciproca, a favore della città di Arona, che ha permesso la presente estensione del contratto senza alcuna contropartita. L’aumento della durata si è reso necessario su richiesta della Fondazione Cariplo per poter erogare il contributo a fondo perduto di 79.000 euro che permetterà la ristrutturazione della bellissima Torre Mozza, che la farà tornare come all’origine e che al termine dei lavori sarà una balconata stupenda, a sbalzo sui tetti della città di Arona, accessibile a tutti. L’interno della Torre è stato già assegnato in uso ai gestori della Rocca, la famiglia Liberati, e potrà da loro essere liberamente utilizzato per eventi o altre iniziative utili al sito e alla loro attività. Il Bando di gara è in corso di pubblicazione». 
l.c.