Cronaca
Cronaca

Ruba in appartamento ma è tradito dalle impronte

La Squadra Mobile arresta un 37enne con precedenti

Ruba in appartamento ma è tradito dalle impronte
Cronaca Novara, 25 Agosto 2022 ore 17:48

Il furto in un'abitazione di Novara di via Spreafico

Ruba in appartamento ma è tradito dalle impronte. Nella giornata di martedì  23 agosto la Polizia di Stato di Novara ha arrestato un cittadino georgiano di 37 anni, clandestino e senza fissa dimora in Italia, ritenuto il presunto autore di un furto in abitazione.

La proprietaria era ricoverata in ospedale

Il furto era avvenuto nella giornata del 5 maggio di quest'anno a Novara.  La proprietaria di un appartamento,  in via Spreafico, era stata ricoverata per accertamenti e, durante la sua assenza, ignoti si erano introdotti in casa, mettendola interamente a soqquadro i locali ed asportando tutti i valori  contenuti.

Usata  la tecnica del “lock picking”, che consiste nel manipolare la serratura con degli attrezzi particolari

Gli agenti Squadra Mobile e della Polizia Scientifica, analizzando gli elementi raccolti durante il sopralluogo svolto nell’appartamento, notavano che la porta d’ingresso non presentava segni di effrazione, pertanto l’ingresso era stato effettuato utilizzando la tecnica del “lock picking”, che consiste nell’effettuare delle manipolazioni della serratura attraverso degli attrezzi, i “grimaldelli”. Secondo la Polizia di Stato  questa tipologia di furti è commessa, generalmente, da “bande” dall’est Europa: pertanto, le indagini venivano indirizzate  sui persone con precedenti penali  provenienti da quelle zone geografiche e gravitanti nell’area del Nord Italia. L’intuizione degli investigatori trovava conferma con le gli esiti degli accertamenti effettuati durante il sopralluogo dal personale della Polizia Scientifica: difatti, la comparazione delle impronte rilevate nell’appartamento con quelle presenti nelle banche dati consentiva di identificare il 37enne già con precedenti per reati di furti in abitazione.  A conclusione delle indagine l’autorità giudiziaria emetteva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dell'uomo, che veniva eseguita martedì.

 

Seguici sui nostri canali