Cronaca

Rubarono in una scuola: individuata una banda di rumeni

Rubarono in una scuola: individuata una banda di rumeni
Cronaca 25 Agosto 2016 ore 22:25

GRAVELLONA, Una serrata attività d’indagine della Squadra Mobile di Verbania ha consentito di individuare la banda di ladri che la notte tra il 29 e il 30 maggio di due anni fa aveva commesso un furto all’interno dell’istituto scolastico Galileo di Gravellona Toce, asportando denaro contante, personal computer e carte di credito. Il ritrovamento di un impronta latente sulla superficie di un vetro dell’istituto ha indirizzato l’attività investigativa nei confronti di un cittadino rumeno già conosciuto dalle Forze dell’Ordine (P.B.A. del 1991); inoltre l’analisi delle registrazioni di una telecamera di uno sportello bancomat presente nel capoluogo milanese ha consentito di individuare gli altri componenti della banda sorpresi nell’occasione a effettuare alcuni prelievi di denaro utilizzando una carta di credito asportata dall’istituto la notte del furto.L’acquisizione dei tabulati del traffico telefonico relativi alla notte del furto ha consentito di geo-localizzare in questo territorio le diverse utenze in uso ai malviventi.Ulteriori approfondimenti info-investigativi e l’esecuzione di perquisizioni delegate dalla locale Autorità Giudiziaria hanno consentito di raccogliere ulteriori elementi probatori a carico del sodalizio criminale composto da sei soggetti di nazionalità rumena, gravati da numerosi pregiudizi di polizia ed irregolari sul territorio nazionale. Tre componenti della banda (B.M., 1993, P.N. 1973 e L.D., 1974) sono attualmente ristretti presso le case circondariali del nord Italia per reati di natura predatoria. Pertanto, ad aggravare la loro posizione giuridica, ora ci saranno anche le accuse per i reati di furto aggravato in concorso e di indebito utilizzo di carte di credito.mo.c.

GRAVELLONA, Una serrata attività d’indagine della Squadra Mobile di Verbania ha consentito di individuare la banda di ladri che la notte tra il 29 e il 30 maggio di due anni fa aveva commesso un furto all’interno dell’istituto scolastico Galileo di Gravellona Toce, asportando denaro contante, personal computer e carte di credito. Il ritrovamento di un impronta latente sulla superficie di un vetro dell’istituto ha indirizzato l’attività investigativa nei confronti di un cittadino rumeno già conosciuto dalle Forze dell’Ordine (P.B.A. del 1991); inoltre l’analisi delle registrazioni di una telecamera di uno sportello bancomat presente nel capoluogo milanese ha consentito di individuare gli altri componenti della banda sorpresi nell’occasione a effettuare alcuni prelievi di denaro utilizzando una carta di credito asportata dall’istituto la notte del furto.L’acquisizione dei tabulati del traffico telefonico relativi alla notte del furto ha consentito di geo-localizzare in questo territorio le diverse utenze in uso ai malviventi.Ulteriori approfondimenti info-investigativi e l’esecuzione di perquisizioni delegate dalla locale Autorità Giudiziaria hanno consentito di raccogliere ulteriori elementi probatori a carico del sodalizio criminale composto da sei soggetti di nazionalità rumena, gravati da numerosi pregiudizi di polizia ed irregolari sul territorio nazionale. Tre componenti della banda (B.M., 1993, P.N. 1973 e L.D., 1974) sono attualmente ristretti presso le case circondariali del nord Italia per reati di natura predatoria. Pertanto, ad aggravare la loro posizione giuridica, ora ci saranno anche le accuse per i reati di furto aggravato in concorso e di indebito utilizzo di carte di credito.mo.c.

Seguici sui nostri canali