Diverse squadre in campo

Scomparso nel lago D’Orta: il corpo a 100 metri di profondità, recupero difficile

Il corpo è stator estituito alla famiglia

Scomparso nel lago D’Orta: il corpo a 100 metri di profondità, recupero difficile
Borgomanero, 31 Ottobre 2019 ore 13:29

Scomparso nel lago D’Orta: il corpo a 100 metri di profondità, recupero difficile ma perfettamente riuscito.

Scomparso nel lago

Il personale sub del nucleo di Venezia con attrezzatura di ricerca di profondità ha individuato il corpo di Guido Ottobrelli a circa 100 metri di profondità nella giornata di ieri 30 ottobre 2019. Per poter effettuare il recupero del corpo a quella notevole profondità è stato fatto intervenire questa mattina, 31 ottobre, il nucleo sommozzatori di Trento dotato di attrezzatura robotica interfacciata da un apposito natante per consentire di far risalire la salma a profondità minori.

I sub dei Vigili del Fuoco hanno poi prelevato il corpo a circa 50 metri per portarlo in superficie. Si è trattata di un’operazione di ricerca e recupero complessa e sinergica, coordinata dal Comando di Novara, in cui sono state utilizzate tutte le massime professionalità a livello nazionale dei vigili del fuoco in campo subacqueo e ciò ha consentito di concludere positivamente l’attività rendendo il corpo alla famiglia.

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve