Cronaca
Guardia di Finanza

Scoperta Boutique Online dei profumi tarocchi: la base era a Novara

Giro d’affari da un milione di euro.

Scoperta Boutique Online dei profumi tarocchi: la base era a Novara
Cronaca Novara, 04 Maggio 2022 ore 11:37

Le fiamme gialle novaresi, hanno recentemente disarticolato un sodalizio con base operante a Novara, dedito in modo organizzato e sistematico, all’importazione e distribuzione sull’intero territorio nazionale, mediante i canali social, di profumi recanti marchi contraffatti, per un giro d’affari di poco inferiore ad 1 milione di euro, realizzato in poco più di un anno.

I fatti

L’operazione condotta dai finanzieri è partita dal sequestro d’iniziativa di una piccola quantità di profumi recanti marchi contraffatti nei confronti di un commerciante ambulante senza licenza.

I successivi approfondimenti investigativi, hanno consentito di individuare il fornitore in un cittadino marocchino residente ed operante a Novara che, con il coinvolgimento di stretti collaboratori e diversi rivenditori distribuiti sull’intero territorio nazionale, commercializzava ingenti quantità e varietà di profumi riconducibili alle più note Griffe mondiali.

L’attività investigativa, ha poi portato all’individuazione del luogo di stoccaggio della merce, organizzato in un vero e proprio Show Room per la clientela locale.

Le perquisizioni su scala nazionale

Sono seguite quindi attività di perquisizione e sequestro, sia a Novara che su gran parte del territorio nazionale, coordinate dalla Procura di Novara, che hanno portato al sequestro di profumi per circa 17.000 pezzi, per un valore commerciale di circa 700.000,00 euro, accertato a seguito di indagini tecniche e patrimoniali.

Al principale indagato, ossia il cittadino marocchino dimorante a Novara, accusato del reato di importazione e commercio di prodotti falsi, dopo aver scontato una misura restrittiva dell’obbligo di dimora e di presentazione giornaliera alla Polizia Giudiziaria, è stata applicata, a seguito di richiesta di ”patteggiamento”, la pena di un anno e sei mesi di reclusione; inoltre, nei confronti di quest’ultimo, le fiamme gialle hanno ricondotto a tassazione il provento illecito di sua spettanza realizzato con l’impresa del falso, pari a circa 350.000, 00 euro.

L’intera attività si colloca nel più ampio contesto dell’azione svolta dal Corpo a tutela del mercato dei beni e dei servizi, orientate al contrasto dei diversi fenomeni illeciti che minacciano la proprietà industriale, il “Made in Italy”, il diritto d’autore e la sicurezza dei consumatori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter