Scovato latitante su un convoglio appena ripartito da Novara

Scovato latitante su un convoglio appena ripartito da Novara
Cronaca 23 Agosto 2015 ore 20:11

NOVARA - Era ricercato in tutta Europa dallo scorso mese di luglio, quando le autorità rumene avevano emesso nei suoi confronti un mandato d’arresto a livello europeo.E’ stato rintracciato giovedì su un treno appena partito da Novara, un Freccia Bianca. A scovarlo, il Nucleo Scorte del Compartimento Polizia Ferroviaria Piemonte e Valle d’Aosta, in servizio scorta viaggiatori sul convoglio.A finire in manette è stato un 53enne di nazionalità rumena, residente da qualche tempo a Marsiglia, dove viveva e agiva. L’uomo, accompagnato poi negli Uffici del Settore Operativo di Milano Centrale, intervenuto in ausilio dei colleghi per ulteriori e dettagliati controlli, è risultato essere stato denunciato più volte per furti aggravati commessi, tra l’altro, in Italia. Deve scontare in Romania la pena detentiva di quasi quattro anni per fatti risalenti al 2013, in particolare per reati contro il patrimonio.Si trova ora nella casa circondariale di San Vittore a Milano, in attesa del compimento delle procedure per l’estradizione.

mo.c.

Per saperne di più leggi l’articolo sul Corriere di Novara in edicola lunedì 24 agosto

NOVARA - Era ricercato in tutta Europa dallo scorso mese di luglio, quando le autorità rumene avevano emesso nei suoi confronti un mandato d’arresto a livello europeo.E’ stato rintracciato giovedì su un treno appena partito da Novara, un Freccia Bianca. A scovarlo, il Nucleo Scorte del Compartimento Polizia Ferroviaria Piemonte e Valle d’Aosta, in servizio scorta viaggiatori sul convoglio.A finire in manette è stato un 53enne di nazionalità rumena, residente da qualche tempo a Marsiglia, dove viveva e agiva. L’uomo, accompagnato poi negli Uffici del Settore Operativo di Milano Centrale, intervenuto in ausilio dei colleghi per ulteriori e dettagliati controlli, è risultato essere stato denunciato più volte per furti aggravati commessi, tra l’altro, in Italia. Deve scontare in Romania la pena detentiva di quasi quattro anni per fatti risalenti al 2013, in particolare per reati contro il patrimonio.Si trova ora nella casa circondariale di San Vittore a Milano, in attesa del compimento delle procedure per l’estradizione.

mo.c.

Per saperne di più leggi l’articolo sul Corriere di Novara in edicola lunedì 24 agosto