La posizione del novarese

Scuola Marnati: “Sia fatto il tampone agli studenti”

L’assessore alla Sanità non sembra essere della stessa opinione.

Scuola Marnati: “Sia fatto il tampone agli studenti”
Novara, 09 Settembre 2020 ore 06:30

“Scuola, sia fatto il tampone agli studenti”. Lo chiede l’assessore regionale Matteo Marnati. Lo riportano i colleghi di primabiella.it

“Scuola,  tampone agli studenti”

Manca meno di una settimana alla prima campanella del nuovo anno scolastico e dalla Regione occorre un’indicazione chiara e univoca su come verrà gestita la somministrazione dei tamponi su studenti e personale scolastico. In un contesto in cui, nonostante la politica degli annunci da parte della Giunta, il Piemonte resta una delle regioni che ne effettua di meno, l’Assessore novarese a ricerca e innovazione Marnati,  ipotizza squadre di giovani medici impegnati a tappeto sul territorio per effettuare tamponi agli studenti, ma l’assessore alla Sanità non sembra essere della stessa opinione.

Nel corso dell’odierna commissione Sanità il vicepresidente della commissione ha proposto, in alternativa, di aumentare le postazioni drive-in sul territorio con percorsi dedicati ai soli controlli per le scuole (studenti, insegnanti, personale). Posizione condivisa dall’assessore Icardi che ha parlato del potenziamento della rete degli hotspot distrettuali. “Questo permetterebbe – dice il vicepresidente della Commissione Sanità – di avere un riscontro immediato sulla eventuale positività dello studente isolato evitando quarantene di asintomatici che metterebbero in ginocchio non solo il sistema scolastico, ma tutte le famiglie perché i più piccoli non possono certo essere lasciati da soli a casa. Si risolverebbe, inoltre, anche il problema dell’attestazione da parte dei pediatri che sarebbe redatta in base al risultato del tampone. Alla vigilia del nuovo anno scolastico occorre dare indicazioni chiare al più presto, consapevoli che la sfida dei prossimi mesi possiamo vincerla solamente mettendo in campo la massima collaborazione tra istituzioni, medici, mondo della scuola e famiglie. La Regione sta terminando un ciclo di incontri con i pediatri di libera scelta e nelle prossime ore dovrebbero uscire delle indicazioni condivise”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità