Cronaca

Sette scout milanesi aggrediti a Novara

Sette scout milanesi aggrediti a Novara
Cronaca 22 Marzo 2016 ore 13:42

NOVARA - E' stata una lettera inviata dal deputato Pd Francesco Prina, politico milanese, al sindaco di Novara Andrea Ballare' e al Questore, Gaetano Todaro, a portare alla luce un grave episodio avvenuto in città domenica pomeriggio ai danni di sette scout di Corbetta.

I sette, con età tra i 12 e i 15 anni, si trovavano a Novara per un incontro scout in occasione della Domenica delle Palme. Nel pomeriggio stavano rientrando e, lungo via Monte San Gabriele, si stavano portando in stazione, per fare rientro a Corbetta. A un certo punto, si sono imbattuti in cinque ragazzi più grandi, che hanno iniziato a dileggiarli, a prenderli in giro. A quanto pare solo per il loro essere scout, per le loro divise e per il fatto che girassero con uno zaino e con in mano il ramo d'ulivo, simbolo della Domenica delle Palme. Li avrebbero accusati di aver invaso il loro territorio, la loro zona.

In pochi attimi i cinque sono passati alle mani, prendendo, a quanto risulterebbe, a pugni e calci i più piccoli, raggiunti anche con colpi allo stomaco. Alla fine di questo comportamento inspiegabile, la minaccia: "Guai se parlate. Vi troviamo di sicuro". I sette sono riusciti a fuggire, prendendo al volo un bus e rientrando così a Corbetta, dove hanno raccontato i fatti ai genitori, che subito li hanno portati al Pronto soccorso dell'ospedale di Magenta, allertando le Forze dell'Ordine della zona. La Questura di Novara, appresa la notizia dalla lettera del deputato, sta conducendo una serie di indagini, per verificare l'accaduto e individuare i responsabili.

Monica Curino

NOVARA - E' stata una lettera inviata dal deputato Pd Francesco Prina, politico milanese, al sindaco di Novara Andrea Ballare' e al Questore, Gaetano Todaro, a portare alla luce un grave episodio avvenuto in città domenica pomeriggio ai danni di sette scout di Corbetta.

I sette, con età tra i 12 e i 15 anni, si trovavano a Novara per un incontro scout in occasione della Domenica delle Palme. Nel pomeriggio stavano rientrando e, lungo via Monte San Gabriele, si stavano portando in stazione, per fare rientro a Corbetta. A un certo punto, si sono imbattuti in cinque ragazzi più grandi, che hanno iniziato a dileggiarli, a prenderli in giro. A quanto pare solo per il loro essere scout, per le loro divise e per il fatto che girassero con uno zaino e con in mano il ramo d'ulivo, simbolo della Domenica delle Palme. Li avrebbero accusati di aver invaso il loro territorio, la loro zona.

In pochi attimi i cinque sono passati alle mani, prendendo, a quanto risulterebbe, a pugni e calci i più piccoli, raggiunti anche con colpi allo stomaco. Alla fine di questo comportamento inspiegabile, la minaccia: "Guai se parlate. Vi troviamo di sicuro". I sette sono riusciti a fuggire, prendendo al volo un bus e rientrando così a Corbetta, dove hanno raccontato i fatti ai genitori, che subito li hanno portati al Pronto soccorso dell'ospedale di Magenta, allertando le Forze dell'Ordine della zona. La Questura di Novara, appresa la notizia dalla lettera del deputato, sta conducendo una serie di indagini, per verificare l'accaduto e individuare i responsabili.

Monica Curino

Seguici sui nostri canali