Sfondano la vetrina del locale con un’auto e prendono di mira le slot machines

Sfondano la vetrina del locale con un’auto e prendono di mira le slot machines
Cronaca 02 Maggio 2015 ore 16:31

NOVARA – A poco più di un mese dall’ultimo episodio (era la notte tra il 12 e 13 marzo scorsi), ancora una spaccata al bar gelateria e latteria “Delle Rosette”, locale posto nell’omonima strada di Novara, di fronte al piazzale che ospita il mercatino Vela.

Ignoti, all’alba di oggi, sabato 2 maggio, tra le 4 e le 5, aiutandosi con un’autovettura usata come ariete, hanno sfondato con forza l’ingresso del locale (foto Martignoni).
Una volta all’interno del bar, stando a quanto ricostruito sinora, hanno asportato alcune slot machines (l’inventario di cosa manca nel locale è ancora in corso), con tutto il loro contenuto, e sono, quindi, fuggiti, facendo perdere le proprie tracce.
Ad accorgersi di quanto stava avvenendo sono stati alcuni residenti, che, udendo il rumore prodotto dai malviventi, hanno dato l’allarme alle Forze dell’Ordine. A indagare è la Polizia. Sul posto le Volanti e, quindi, la Scientifica, alla ricerca di qualche eventuale traccia lasciata dai ladri.

Monica Curino

NOVARA – A poco più di un mese dall’ultimo episodio (era la notte tra il 12 e 13 marzo scorsi), ancora una spaccata al bar gelateria e latteria “Delle Rosette”, locale posto nell’omonima strada di Novara, di fronte al piazzale che ospita il mercatino Vela.

Ignoti, all’alba di oggi, sabato 2 maggio, tra le 4 e le 5, aiutandosi con un’autovettura usata come ariete, hanno sfondato con forza l’ingresso del locale (foto Martignoni).
Una volta all’interno del bar, stando a quanto ricostruito sinora, hanno asportato alcune slot machines (l’inventario di cosa manca nel locale è ancora in corso), con tutto il loro contenuto, e sono, quindi, fuggiti, facendo perdere le proprie tracce.
Ad accorgersi di quanto stava avvenendo sono stati alcuni residenti, che, udendo il rumore prodotto dai malviventi, hanno dato l’allarme alle Forze dell’Ordine. A indagare è la Polizia. Sul posto le Volanti e, quindi, la Scientifica, alla ricerca di qualche eventuale traccia lasciata dai ladri.

Monica Curino