Ss32 Ticinese, fine lavori… non si sa

Ss32 Ticinese, fine lavori… non si sa
22 Giugno 2015 ore 07:52

Si chiama “32 – Ticinese”, è l’ultima strada statale rimasta in provincia di Novara (fatto salvo il tratto di 33 sul Verbano), e fra il km 23+300 (Comune di Pombia) e il km 31+000 (Comune di Borgoticino) è, da anni, praticamente un incubo – non solo per gli automobilisti, bensì anche per le attività commerciali e i residenti in zona – a causa dei lavori di “Sistemazione stradale 2° lotto”, per la precisione “Lavori straordinari per nuove costruzioni”. In pratica la prosecuzione dell’allargamento e dell’ammodernamento della statale, dopo il tanto discusso intervento nel tratto fra Novara e Oleggio. Perché un incubo? Per una serie di fattori di cui avremmo voluto investire qualche responsabile dell’Anas, che ha dato l’appalto all’Ati (Associazione temporanea d’imprese) fra Lauro spa (di Borgosesia) e De Giuliani srl (di Borgomanero). Prima abbiamo chiamato la sede Anas di Torino. Il competente ingegnere era impegnato, abbiamo lasciato i nostri recapiti ma non siamo stati richiamati. Poi abbiamo contattato l’Ufficio stampa della sede centrale romana, ma abbiamo ottenuto solo risposte scritte a fronte di domande scritte. Chiaro che il risultato è deludente, ma tant’è.   

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di lunedì 22 giugno

Si chiama “32 – Ticinese”, è l’ultima strada statale rimasta in provincia di Novara (fatto salvo il tratto di 33 sul Verbano), e fra il km 23+300 (Comune di Pombia) e il km 31+000 (Comune di Borgoticino) è, da anni, praticamente un incubo – non solo per gli automobilisti, bensì anche per le attività commerciali e i residenti in zona – a causa dei lavori di “Sistemazione stradale 2° lotto”, per la precisione “Lavori straordinari per nuove costruzioni”. In pratica la prosecuzione dell’allargamento e dell’ammodernamento della statale, dopo il tanto discusso intervento nel tratto fra Novara e Oleggio. Perché un incubo? Per una serie di fattori di cui avremmo voluto investire qualche responsabile dell’Anas, che ha dato l’appalto all’Ati (Associazione temporanea d’imprese) fra Lauro spa (di Borgosesia) e De Giuliani srl (di Borgomanero). Prima abbiamo chiamato la sede Anas di Torino. Il competente ingegnere era impegnato, abbiamo lasciato i nostri recapiti ma non siamo stati richiamati. Poi abbiamo contattato l’Ufficio stampa della sede centrale romana, ma abbiamo ottenuto solo risposte scritte a fronte di domande scritte. Chiaro che il risultato è deludente, ma tant’è.   

p.v.

leggi il servizio sul Corriere di Novara di lunedì 22 giugno

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei